Cooperazione internazionale in materia di ricerca e interconnessione

La cooperazione internazionale nel settore della ricerca ha un’importanza fondamentale per la Svizzera. Da un lato, la Svizzera partecipa a numerose organizzazioni e programmi di ricerca internazionali. Dall’altro, cura la cooperazione bilaterale in questo campo con determinati Paesi prioritari. Con la sua rete di rappresentanze scientifiche swissnex promuove la piazza scientifica svizzera all’estero.

Interno di un ufficio di swissnex India
Swissnex è la rete esterna mondiale svizzera per l’istruzione, la ricerca e l’innovazione. © swissnex

La rete di contatti internazionali fa della Svizzera una delle realtà più attrattive e di maggior successo nel settore della ricerca. Circa la metà dei dottorandi e dei professori proviene dall’estero. La cooperazione internazionale nel campo della ricerca ha un’importanza fondamentale e viene promossa di conseguenza. La Svizzera partecipa a numerose organizzazioni e programmi di ricerca internazionali.

Progetti di ricerca di punta

L’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (nota con l’acronimo CERN), con sede a Ginevra, è uno dei laboratori scientifici più grandi e prestigiosi al mondo. Si occupa della ricerca nel campo della fisica, in particolare con l’aiuto di acceleratori di particelle, e studia la composizione dell’universo e le sue leggi. Il CERN è famoso per il ruolo svolto nella «nascita» di Internet nel 1989 e per il Large Hadron Collider, un acceleratore di particelle che ha permesso, tra le altre cose, di scoprire il bosone di Higgs.

Dal 1956 l’azienda informatica internazionale IBM (International Business Machines Corporation) gestisce un importante istituto di ricerca nei pressi di Zurigo. I suoi ricercatori hanno ottenuto il premio Nobel per la fisica nel 1986 e nel 1987. Nel 2011 l’istituto di ricerca IBM, in collaborazione con il Politecnico federale di Zurigo (PFZ), ha aperto il Binnig and Rohrer Nanotechnology Center.

Il Politecnico federale di Losanna (PFL) dirige l’ambizioso progetto europeo di ricerca «Human Brain Project». Il suo scopo è simulare al computer l’attività cerebrale per meglio comprenderne il funzionamento. Al progetto partecipano circa 135 istituzioni, principalmente europee. Il costo totale del progetto è di quasi 1,2 miliardi EUR.

Quasi tutte le università svizzere partecipano a progetti in ambito spaziale, che vanno dall’astronomia e dalla fisiologia umana allo studio del clima. Sono numerosi anche i prodotti creati, per esempio strutture e assemblaggi di sistemi ottici, meccanici ed elettronici, strumenti scientifici ed equipaggiamenti di vario genere. La Svizzera è tra i membri fondatori dell’Agenzia spaziale europea (European Space Agency, ESA), a cui versa un contributo di circa 170 milioni CHF all’anno e con cui coopera soprattutto nell’ambito di programmi di osservazione della Terra.

Ricerca di punta significa rete di contatti internazionale

In materia di formazione, ricerca e innovazione la Svizzera è ufficialmente rappresentata all’estero da consiglieri e consigliere di ambasciata e da swissnex, una rete di rappresentanze diplomatiche scientifiche la cui missione è sostenere gli sforzi di internazionalizzazione delle istituzioni del mondo universitario e della ricerca svizzere nonché delle startup che si occupano della ricerca. Nel mondo esistono cinque rappresentanze swissnex: Boston, San Francisco, Shanghai, Bangalore e Rio de Janeiro.