Cuba

Nel quadro dell’attuale strategia di cooperazione (2017-2021) la Svizzera (DSC) coadiuva il Governo cubano nel processo di modernizzazione del sistema socioeconomico. Dal 2011 il suo programma è incentrato sullo sviluppo locale.

Cartina di Cuba
© DFAE

Rispetto ad altri Paesi dell’area caraibica e dell’America centrale, Cuba vanta servizi sociali di base (sanità, educazione, sicurezza sociale) di livello relativamente buono. Ciononostante il Paese si trova ad affrontare problemi economici caratterizzati dall’esistenza di una doppia moneta e dalla dipendenza dall’estero per le derrate alimentari di base. Dal 2011 il Governo porta avanti un processo di decentramento dei servizi pubblici, di privatizzazione di alcune attività economiche e di municipalizzazione.

La DSC sostiene progetti in 95 municipalità cubane su 168. I progetti sono condotti in un’ottica di partecipazione (sostegno al decentramento, sviluppo delle capacità delle istituzioni municipali, pianificazione e gestione partecipativa), nell’ambito dell’agricoltura e dello sviluppo economico (sostegno a cooperative private, rafforzamento delle catene di valore, produzione biologica certificata, energie rinnovabili) nonché della promozione della parità di genere (integrazione sociale, lotta alle discriminazioni basate sul genere, sull’età e sull’orientamento sessuale).

Gestione municipale

Partecipazione dei cittadini e decentramento

Dal lancio, negli anni 2011-2012, della riforma per il decentramento in due province pilota (Mayabeque, Artemisa), sono 80 le municipalità che portano avanti una strategia di sviluppo municipale con il sostegno della cooperazione svizzera. La strategia prevede un affiancamento iniziale delle autorità locali nell’elaborazione del processo di consultazione con le istituzioni locali di settore e la popolazione. Segue una fase dedicata all’individuazione di piccoli progetti locali di sviluppo finanziati con le imposte locali (1% delle entrate delle municipalità possono essere utilizzati localmente) o con il contributo della cooperazione svizzera.

In alcune municipalità, fino a 5 progetti sostenuti dalla Svizzera collaborano con le autorità locali per migliorare le condizioni di vita della popolazione in alcuni settori prioritari: alloggi, produzione agricola ed energie rinnovabili. Le risorse finanziarie limitate e le scarse competenze delle autorità locali sono alcuni dei principali ostacoli e richiedono l’intervento chiarificatore del Governo.

Agricoltura e sviluppo economico a livello municipale

In circa 40 delle municipalità in cui la DSC opera, l’agricoltura ha segnato un incremento medio del 10,7 % tra il 2010 e il 2016. Circa 3,9 milioni di persone, ovvero il 31 % della popolazione totale, hanno tratto vantaggio da questi interventi (creazione di posti di lavoro, aumento dei redditi). Una delle sfide maggiori è mettere in relazione operatori diversi (piccoli produttori, cooperative, enti statali) e meccanismi economici (certificazioni, trasporti, commercializzazione).

Agricoltura e sicurezza alimentare

Integrazione sociale e parità di genere

La cooperazione svizzera sostiene due piattaforme che racchiudono iniziative di istituzioni ufficiali, di ONG locali e progetti comunitari incentrati sull’integrazione sociale, sulla lotta contro ogni forma di discriminazione e sulla promozione della parità di genere. Le 15 istituzioni partner sostenute dalla Svizzera conducono campagne nazionali su temi chiave, rivolgendosi allo stesso tempo ai cittadini (sensibilizzazione) e alle autorità nazionali (adeguamento del quadro giuridico).

Storia della cooperazione

Dal 1997 un impegno focalizzato sul settore umanitario

La DSC è presente a Cuba dal 1997 con progetti a spiccata vocazione umanitaria, soprattutto in ambito medico. Nel 2000 la DSC ha inaugurato a L’Avana un ufficio di cooperazione e sviluppato un programma speciale di cooperazione dopo una fase esplorativa (2000–2003), il programma svizzero si è sviluppato su due assi: lo sviluppo locale e lo sviluppo economico sostenibile. Queste priorità sono state portate avanti fino al 2011 e integrate dall’introduzione del tema trasversale del genere. Nel quadro dell’attuale strategia di cooperazione (2017–2021), il programma si concentra su un unico asse d’intervento, lo sviluppo locale.

Progetti attuali

Oggetto 13 – 16 di 16

Programa de apoyo a la Equidad y Participación local - PYE

01.06.2017 - 31.12.2021

En el contexto de la descentralización del desarrollo en curso en Cuba, la Cooperación Suiza apoya a los gobiernos locales, las comunidades y actores de la sociedad civil en la disminución de brechas de equidad. Mediante nueve organizaciones (cuatro ONG nacionales, tres proyectos comunitarios, una agencia de prensa y un centro académico) con experticia en género, medio ambiente, cultura, racialidad y vulnerabilidad, este proyecto promueve el desarrollo equitativo y la inclusión social.


PROFET – Programme for Strengthening Vocational and Professional Education and Training (VPET) in Cuba

01.06.2017 - 31.05.2027

PROFET contributes to improve the integration of young people, especially women and disadvantaged groups, into the labour market by assessing demand in the productive sector, improving training quality in priority specialties for the economy of the country, promoting cooperation between educational institutions and the productive public and private sectors, and providing local counselling services for young people looking for jobs.


PROFET - Programme for Strengthening Technical and Vocational Education in Cuba

01.06.2017 - 31.12.2022

PROFET promotes access to employment by young people, with emphasis on women and disadvantaged groups, by modernizing educational programmes and technology under Technical and Vocational Education, in priority specialties for the development of the country (construction, agriculture and tourism), strengthening cooperation among educational institutions and the productive sector, and providing local advisory services for job placement and business undertaking.


PEGIN - Promoción de la Equidad de Género con Incidencia Nacional

01.04.2015 - 31.12.2021

Formada por seis organizaciones cubanas la plataforma PEGIN busca incidir en políticas nacionales para promover procesos políticos y sociales a favor de la igualdad de género y para evitar que las reformas actuales no crean nuevas discriminaciones. Además, el proyecto contribuye a incorporar los principios de igualdad de género en todo el programa de COSUDE (transversalización).

Oggetto 13 – 16 di 16