Visti – Entrata e soggiorno in Svizzera

Per l’entrata in Svizzera si applicano varie regole. In linea di massima si distingue tra cittadini di Paesi dell’Unione Europea (UE) e dell’Associazione Europea di libero scambio (AELS) e cittadini che non provengono da questi Stati. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) è competente al riguardo.

SEM

Dall’entrata in vigore dell’accordo di associazione della Svizzera a Schengen e Dublino (il 12 dicembre 2008), le rappresentanze svizzere all’estero possono rilasciare, in funzione della durata del soggiorno e scopo del viaggio, le categorie di visti qui sotto. Voglia scegliere la rubrica che le corrisponde.

Nuovo coronavirus

A causa della crisi del COVID-19, gli sportelli della Cancelleria dell'Ambasciata svizzera sono aperti al pubblico solo su appuntamento. Al fine di garantire il rispetto delle misure di sicurezza e l'allontanamento sociale, solo un numero limitato di persone sarà ammesso contemporaneamente in sala d'attesa. Ciò può comportare un'attesa più lunga fuori dall'Ambasciata, per la quale ci scusiamo. Gli accompagnatori non saranno in linea di principio accettati. I clienti sono pregati di indossare una maschera protettiva per tutta la durata della loro visita all'Ambasciata. Per tutte le questioni consolari, l'Ambasciata è raggiungibile in qualsiasi momento via e-mail tunis@eda.admin.ch o per telefono +216 71 191 997, dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 12:00.

Entrata in Svizzera:

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha adattato l'ordinanza 3 COVID-19 e la Tunisia è nuovamente considerata un Paese a rischio a partire dal 03.11.2020. L'ingresso in Svizzera è possibile solo in casi eccezionali e particolari (elenco delle eccezioni).

Si prega di notare che le restrizioni all'ingresso in Svizzera non si applicano alle persone che possiedono la cittadinanza svizzera, che beneficiano dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone o che si trovano in una situazione di assoluta necessità. Spetta all'autorità di controllo delle frontiere competente valutare se la necessità assoluta è dimostrata.

Per poter valutare se l'ingresso e l'eventuale richiesta di visto è possibile a causa di un caso particolare, si prega di inviare la richiesta scritta, insieme ai documenti giustificativi, al seguente indirizzo e-mail: tunis.visa@eda.admin.ch

Oltre alle misure sopra menzionate, tutte le persone che viaggiano in Svizzera, indipendentemente dal loro mezzo di trasporto, devono registrare i loro dati personali sul sito dell'UFSP. Questa procedura deve essere seguita per ogni viaggio in Svizzera. 

Inoltre, le persone che entrano in Svizzera per via aerea devono presentare un test PCR negativo che risale a meno di 72 ore fa. I viaggiatori vengono controllati prima di salire sull'aereo.

Ingresso in Tunisia e raccomandazioni per i viaggiatori:

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) informa la popolazione sull'evoluzione della situazione relativa al coronavirus COVID-19 e formula raccomandazioni ai viaggiatori che si recano all'estero. Troverete queste raccomandazioni sul sito web dell'UFSP.
Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) fornisce inoltre raccomandazioni per i viaggi all'estero, in particolare sui rischi potenziali e su come prevenirli.

Le autorità tunisine aggiornano regolarmente le condizioni d'ingresso in Tunisia dei cittadini svizzeri e delle persone provenienti dalla Svizzera. In occasione della preparazione di un eventuale viaggio in Tunisia, consultate regolarmente i siti web delle autorità competenti o contattate l'Ambasciata di Tunisia in Svizzera per ulteriori informazioni.

Per maggiori informazioni sulle misure adottate dalla Tunisia, le autorità tunisine hanno istituito una hotline: +216 80 10 19 19. In caso di sintomi, chiamare il SAMU (Servizio di emmergenza) al numero 190.

Visti Schengen per la Slovacchia:

I coniugi stranieri di cittadini slovacchi possono richiedere nuovamente il visto Schengen presso questa rappresentanza, previa presentazione di un certificato di matrimonio slovacco. Le restrizioni rimangono in vigore per tutti gli altri richiedenti e le loro domande non saranno accettate fino a nuovo avviso.

Frode in materia di visti

L'Ambasciata di Svizzera in Tunisia desidera attirare l'attenzione dei nostri clienti su alcune pratiche che sono state rilevate in società che garantiscono l'ottenimento di un visto per la Svizzera, e in particolare su casi di frode con falsi contratti di lavoro.

Si prega di notare che il rilascio di un visto di lavoro o di studio è deciso da vari uffici in Svizzera sulla base dei rispettivi documenti e che nessuno, compresa qualsiasi compagnia, può garantire che riceverete un visto. L'Ambasciata non si assume alcuna responsabilità per le informazioni che possono esserle fornite da società di servizi specializzate nell'assistenza alla preparazione delle domande.

Oltre ai danni finanziari, si rischia anche:

- Furto d'identità;
- Prelievi non autorizzati dal suo conto bancario;
- Uso improprio della sua carta di credito;
- Diffusione di virus informatici.

Per maggiori informazioni, raccomandiamo il sito: Prevenzione svizzera della Criminalità

In caso di dubbio, si prega di contattare immediatamente il Dipartimento Visti dell'Ambasciata ai seguenti recapiti:

Telefono: +216 71 192 030
E-mail: tunis.visa@eda.admin.ch

Visto Schengen per un soggiorno fino a 90 giorni

Concerne le persone che desiderano soggiornare in Svizzera per un breve periodo fino a 90 giorni nell’arco di 180 giorni. Per esempio, soggiorni turistici, visita a parenti/amici o soggiorni linguistici per un breve periodo, partecipazione a una conferenza o a un evento sportivo/culturale, ecc.

Visto nazionale per un soggiorno superiore ai 90 giorni

Concerne le persone che intendono entrare e soggiornare in Svizzera oltre 90 giorni. La domanda di visto è trasmessa per decisione all’autorità cantonale di migrazione competente per il luogo di soggiorno in Svizzera. Per esempio, studi in Svizzera, ricongiungimento familiare, matrimonio con presa di domicilio, ecc.

Visto di transito aeroportuale

Concerne unicamente i cittadini di certi paesi che sono soggetti a un visto di transito anche se non lasciano la zona internazionale di transito dell’aeroporto e non entrano nella zona Schengen.

Lavoro / Permessi di lavoro

Concerne la presa d’impiego di un lavoratore straniero in Svizzera. Un visto d’entrata non potrà essere emesso fino a quando le autorità cantonali competenti abbiano rilasciato le autorizzazioni necessarie.