Inizio pagina

Trattato di non proliferazione nucleare (TNP)

Il Trattato di non proliferazione nucleare è la pietra angolare del sistema di controllo della diffusione delle armi nucleari. Questo accordo evita che si realizzi lo scenario peggiore nella corsa globale agli armamenti senza per questo limitare l’uso pacifico dell’atomo. La Svizzera vuole dare nuovo impulso alla sua applicazione.

La Svizzera ha ratificato il Trattato di non proliferazione nucleare (TNP), in inglese Treaty on the Non-Proliferation of Nuclear Weapons (NPT), nel 1977. Oggi gli Stati firmatari sono più di 190. Il TNP costituisce la pietra angolare del sistema di controllo della diffusione delle armi nucleari ed è un elemento fondamentale dell’architettura di sicurezza globale. Il Trattato poggia su tre pilastri:  

  • impegna al disarmo i cinque Stati che detengono ufficialmente armi nucleari (Cina, Francia, Regno Unito, Russia, USA)
  • offre una base giuridica alla non proliferazione delle armi nucleari
  • consente l’uso pacifico dell’energia nucleare

Il TNP ha chiaramente raggiunto il suo scopo principale: evitare lo scenario peggiore che, negli anni 1960, vedeva un futuro con più di 20 Stati in possesso di armi nucleari. L’uso pacifico del nucleare garantito dal TNP nei campi dell’energia, della ricerca, della medicina o dell’agricoltura è una storia di successo. Meno positivo è il bilancio per quanto riguarda il disarmo, soprattutto perché, dopo una significativa riduzione del numero di testate nucleari alla fine della guerra fredda, ora si registra di nuovo una tendenza opposta.

In vista della Decima conferenza di revisione del Trattato di non proliferazione nucleare, la Svizzera collabora con il Gruppo di Stoccolma, che mediante la Dichiarazione di Berlino chiede di fare passi concreti e pragmatici verso il disarmo. Il Gruppo di Stoccolma ha elaborato un documento di lavoro che formula proposte precise in questo senso. La forza di questo gruppo sta proprio nelle diverse provenienze e nel diverso background politico dei suoi membri.

Dichiarazione di Berlino a favore del disarmo nucleare, Governo svedese (en)

Proposte per rilanciare il disarmo nucleare, allegato alla Dichiarazione di Berlino, Governo svedese (en)

La Svizzera si impegna inoltre per la riduzione dei rischi legati alle armi nucleari.

Misure per ridurre i rischi nucleari, Governo svedese (en)

Ultima modifica 26.01.2022