Cyber-sicurezza

L’uso illegale delle tecnologie digitali costituisce una delle sfide cruciali del XXI° secolo. Lo cyberspazio diviene sempre più luogo di manovre illecite a fini criminali, spionistici ed egemonici. Un attacco alle infrastrutture di approvvigionamento energetico e di telecomunicazione attraverso le reti digitali può destabilizzare un Paese. Per tutelarsi contro i pericoli del mondo virtuale, la Svizzera ha approvato la Strategia nazionale per la protezione contro i cyber-rischi.

Perturbazioni, manipolazioni, sabotaggi e attacchi mirati attraverso le reti elettroniche rappresentano alcuni dei rischi del cyberspazio insiti in una società dell’informazione.

Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i cyber-rischi

Anche in Svizzera il processo di digitalizzazione pone politica, mondo economico e società civile dinanzi a nuove sfide. Il 27 giugno 2012 il Consiglio federale ha adottato la Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i cyber-rischi, che elenca tutte le minacce connesse al cyberspazioevidenzia i punti deboli e illustra il percorso tracciato dalla Svizzera.

La strategia definisce i seguenti obiettivi:

  • individuazione tempestiva di minacce e pericoli
  • rafforzamento della capacità di resistenza delle infrastrutture critiche
  • riduzione dei cyber-rischi, in particolare cyber-criminalità, spionaggio informatico e sabotaggio informatico.

La Strategia definisce 16 misure nelle 7 aree di intervento seguenti:

  • ricerca e sviluppo
  • analisi dei rischi e delle vulnerabilità
  • analisi delle minacce
  • sviluppo delle competenze
  • relazioni e iniziative internazionali
  • gestione della continuità operativa e delle crisi
  • basi giuridiche

La Svizzera coopera anche con altri Stati per innalzare il grado di sicurezza del cyberspazio.

Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i cyber-rischi

Piano di attuazione della SNPC

Il 15 maggio 2013 il Consiglio federale ha approvato il piano di attuazione della SNPC, che concretizza le misure di tale strategia e illustra gli obiettivi perseguiti nei settori della prevenzione, della reazione agli eventi, della gestione della continuità operativa e delle crisi nonché dei processi di supporto.

La Svizzera tutela i propri interessi di politica estera correlati alla cyber-sicurezza puntando anche sulla cooperazione internazionale, partecipando a vari processi e iniziative internazionali, come ad esempio nel quadro dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Piano di attuazione SNPC

Strategia nazionale per la protezione delle infrastrutture critiche

Con attacchi mossi dallo cyberspazio si può destabilizzare uno Stato, per esempio servendosi delle reti digitali per paralizzare infrastrutture critiche di approvvigionamento energetico e idrico o di telecomunicazione. Nel 2012 la Svizzera ha elaborato una Strategia nazionale per la protezione delle infrastrutture critiche che tiene conto anche dei cyber-rischi.