Relazioni bilaterali Svizzera–Repubblica del Congo

Le relazioni tra la Svizzera e la Repubblica del Congo sono buone, ma poco intense.

Priorità delle relazioni diplomatiche

La Svizzera ha elaborato e approvato una strategia per l’Africa subsahariana per il periodo 2021–2024.

Gli interessi svizzeri nella Repubblica del Congo sono rappresentati dall’Ambasciata di Svizzera a Kinshasa (Repubblica democratica del Congo).

La Repubblica del Congo dispone di una rappresentanza permanente a Ginevra, che è anche accreditata come ambasciata in Svizzera.

Strategia Africa subsahariana 2021–2024 (PDF, 3.1 MB, Italiano)

Banca dati dei trattati internazionali

Le svizzere e gli svizzeri nella Repubblica del Congo

In base alla Statistica sugli Svizzeri all’estero, alla fine del 2020 nella Repubblica del Congo risiedevano 21 cittadini svizzeri e in Svizzera 274 cittadini congolesi.

Storia delle relazioni bilaterali

Fra il 1930 e il 1940 nell’allora Congo francese vivevano una quindicina di cittadini svizzeri, per lo più ingegneri che lavoravano alla costruzione della ferrovia tra Brazzaville e Pointe-Noire.

La Svizzera riconosce l’indipendenza della Repubblica del Congo nel 1960. Due anni dopo i due Paesi sottoscrivono accordi bilaterali riguardanti il commercio, la protezione degli investimenti e la cooperazione tecnica, seguiti nel 1964 da un accordo sul traffico aereo. Negli anni 1986, 1991 e 2005 vengono firmati diversi accordi sulla cancellazione e sulla ristrutturazione del debito.

Repubblica del Congo, Dizionario storico della Svizzera

Documenti diplomatici svizzeri, Dodis