Inizio pagina

Comunicato stampa, 23.06.2022

A Stoccarda, capoluogo del Baden-Württemberg, il presidente della Confederazione ha incontrato il ministro-presidente Winfried Kretschmann. Il colloquio ha riguardato soprattutto le relazioni della Svizzera con l’Unione europea e il loro impatto sugli stretti legami transfrontalieri tra la Svizzera e il Baden-Württemberg. Si è inoltre parlato della guerra in Ucraina.

Durante l’incontro a Stoccarda, Ignazio Cassis ha informato Winfried Kretschmann sull’orientamento del pacchetto di negoziati e sullo stato dei colloqui esplorativi tra la Svizzera e l’UE. L’associazione della Svizzera ai futuri programmi dell’UE, in particolare nel campo della ricerca e dell’innovazione, è un fattore importante per mantenere il dinamismo economico della regione. Cassis e Kretschmann hanno inoltre espresso il desiderio di rafforzare la qualità e l’impatto della cooperazione transfrontaliera tra la Svizzera e il Baden-Württemberg nel quadro delle piattaforme di dialogo regionali recentemente istituite.

Un partenariato chiave nel cuore dell’Europa

Il Baden-Württemberg è, in ordine di importanza, il terzo partner commerciale della Svizzera a livello mondiale dopo Stati Uniti e Cina. I rappresentanti di questo Land tedesco lavorano con grande impegno per mantenere e intensificare ulteriormente i legami già esistenti con la Svizzera. Cassis e Kretschmann hanno sottolineato l’importanza degli accordi bilaterali tra Berna e Bruxelles per la stabilità dei proficui partenariati regionali che ne derivano, in particolare nei settori della ricerca, della formazione e dell’innovazione. Anche le catene di approvvigionamento transfrontaliere, che sono tra le più integrate in Europa, dipendono in larga misura da relazioni regolamentate tra Berna e Bruxelles.

«Dobbiamo fare il possibile affinché le relazioni tra la Svizzera e l’UE tornino sulla buona strada. Per risolvere le questioni istituzionali in sospeso tra l’UE e la Svizzera, credo che sia necessaria la volontà politica di entrambe le parti. Bisogna confrontarsi seriamente ed essere pronti al compromesso», ha dichiarato il ministro-presidente Kretschmann.

Il presidente della Confederazione ha informato Winfried Kretschmann dell’intenzione del Consiglio federale di intensificare i colloqui esplorativi con la Commissione europea. «L’associazione della Svizzera ai futuri programmi dell’UE, in particolare nel campo della ricerca e dell’innovazione, rimane l’obiettivo dichiarato del Consiglio federale», ha assicurato Ignazio Cassis.

Consolidamento delle relazioni bilaterali e transfrontaliere
Il presidente della Confederazione ha inoltre sottolineato la grande importanza della cooperazione transfrontaliera in tutte le regioni confinanti con la Svizzera e il Baden-Württemberg. Nella regione del Lago di Costanza, per esempio, quattro Stati di lingua tedesca (Svizzera, Germania, Austria e Liechtenstein) collaborano su questioni importanti come la mobilità, la lotta al riscaldamento globale e l’innovazione. Una prima riunione pilota della commissione intergovernativa Lago di Costanza si è svolta a San Gallo nel maggio del 2022 sotto la guida dei Ministeri degli esteri e con il coinvolgimento di tutte le regioni di confine interessate. «La sensazione che ho avuto è che tutte le parti coinvolte siano interessate a portare avanti questo dialogo nel cuore di una regione che rappresenta un esempio di dinamismo», ha commentato Cassis.

La Svizzera mira a promuovere una migliore integrazione delle questioni transfrontaliere anche a livello delle capitali nazionali. Il dialogo germano-svizzero sulla cooperazione transfrontaliera, che riunisce una volta all’anno i Ministeri degli esteri dei due Paesi nonché tutti gli attori locali, consente di collegare efficacemente il livello regionale e quello federale da entrambe le parti: «L’instaurazione di un dialogo transfrontaliero con la Germania è un’eccellente notizia. Questa nuova piattaforma di discussione consentirà di avere una visione d’insieme di tutte le questioni transfrontaliere tra Svizzera e Germania e di fornire così impulsi a livello politico», ha spiegato Ignazio Cassis. Già da qualche tempo la Svizzera porta avanti dialoghi di questo tipo con l’Italia e la Francia.

La situazione in Ucraina
Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis si è detto molto preoccupato per la situazione in Ucraina, dato che un rapido cessate il fuoco è estremamente improbabile e i negoziati diplomatici sono in stallo. Nel corso della discussione Cassis ha inoltre fatto riferimento alla Ukraine Recovery Conference che si terrà a Lugano il 4 e il 5 luglio prossimi, sottolineando anche le strette relazioni tra l’Ucraina e la Svizzera. «Con questa conferenza, la Svizzera si posiziona in un settore che le sta particolarmente a cuore e offre una piattaforma di discussione a tutti gli attori che vogliono contribuire alla ricostruzione dell’Ucraina», ha concluso Ignazio Cassis.


Informazioni supplementari:

Relazioni bilaterali Svizzera – Germania


Indirizzo per domande:

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel. Servizio di comunicazione: +41 58 462 31 53
Tel. Servizio stampa: +41 58 460 55 55
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri

Ultima modifica 28.01.2022

Contatto

Comunicazione DFAE

Palazzo federale ovest
3003 Berna

Telefono (solo per i giornalisti):
+41 58 460 55 55

Telefono (per tutte le altre richieste):
+41 58 462 31 53