Situazione in Medio Oriente

Di fronte alla situazione molto instabile che si è venuta a creare in Medio Oriente la Svizzera deve essere in grado di agire rapidamente e in maniera coordinata. Nella sua seduta dell’11 ottobre 2023 il Consiglio federale ha deciso di creare una task force per seguire meglio l’evolversi della situazione e prendere le decisioni necessarie.

Mappa del Medio Oriente.

Medio Oriente: la Svizzera condanna gli atti terroristici di Hamas e si adopera per migliorare la situazione umanitaria. La Svizzera invita tutte le parti a rispettare il diritto internazionale umanitario e a proteggere i civili. © DFAE

Per ulteriore assistenza e in caso di emergenza, i cittadini svizzeri interessati possono contattare l'Ambasciata di Svizzera a Tel Aviv o la Helpline DFAE a Berna (24 ore su 24 al numero +41 800 24 7 365 / 0 800 24 7 365 o via e-mail all'indirizzo helpline@eda.admin.ch).

Posizione del Consiglio federale sul conflitto in Medio Oriente

Il Consiglio federale "condanna senza riserve gli attacchi terroristici di Hamas del 7 ottobre e chiede l'immediato rilascio di tutti gli ostaggi". Riconosce "il diritto di Israele di garantire la propria difesa e sicurezza e ricorda che il diritto umanitario internazionale deve essere rispettato da tutte le parti". Il diritto internazionale umanitario tiene conto delle legittime esigenze di uno Stato, quali sicurezza e necessità militari, ma deve essere rispettato da tutte le parti senza nessuna eccezione. Le violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani devono essere indagate e i responsabili chiamati a risponderne.

"Le conseguenze umanitarie del conflitto armato in Medio Oriente sono drammatiche in Israele, nel Territorio palestinese occupato e nei Paesi limitrofi coinvolti", spiega il Consiglio federale. Dal 7 ottobre 2023, migliaia di civili hanno perso la vita. Di fronte a tale situazione, è essenziale che tutte le parti assumano i propri obblighi relativi al diritto umanitario internazionale e consentano un accesso rapido, sicuro e senza ostacoli agli aiuti umanitari a Gaza. "Le pause o le tregue umanitarie sono necessarie al fin di garantire l'accesso agli aiuti e di rispondere alle esigenze della popolazione", sottolinea il Consiglio federale.

Secondo la Strategia MENA 2021-2024 del Consiglio federale, una soluzione duratura al conflitto in Medio Oriente non può essere raggiunta se non con mezzi pacifici. Una soluzione a due Stati, ovvero due Stati democratici, Israele e Palestina, che vivono in pace l'uno accanto all'altro all'interno di confini sicuri e riconosciuti, va negoziata da entrambe le parti.

20.02.2024 – 17.00

Medio Oriente: bocciata al Consiglio di Sicurezza dell'ONU la risoluzione per un cessate il fuoco umanitario

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha votato oggi una risoluzione che chiedeva un immediato cessate il fuoco umanitario in Medio Oriente. La risoluzione, presentata dall'Algeria, è stata bocciata a causa del veto degli Stati Uniti. La situazione umanitaria drammatica per oltre due milioni di persone a Gaza continua a peggiorare: la carestia è alle porte, il settore sanitario è ormai a rischio e gran parte della popolazione è già stata sfollata più volte all'interno del territorio. Manca di tutto, soprattutto l'accesso umanitario. Inoltre, la minaccia di un’offensiva militare terrestre israeliana a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, costituisce una preoccupazione seria per più di un milione di persone. Nel frattempo, molti ostaggi attendono ancora di essere liberati.

Per affrontare questi sviluppi, la risoluzione ha chiesto, oltre a un cessate il fuoco immediato, il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi rimasti, il rispetto totale del diritto umanitario internazionale da parte di tutte le parti, un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli ai civili in difficoltà. Avrebbe inoltre condannato lo sfollamento forzato della popolazione palestinese. Nell'adottare la risoluzione, il Consiglio di Sicurezza avrebbe anche richiamato le misure preventive della Corte internazionale di giustizia del 26 gennaio 2024 per la prevenzione del genocidio in Medio Oriente e ribadito il suo appello per una soluzione a due Stati. Infine, la risoluzione esprimeva anche grande preoccupazione per la minaccia di un'ulteriore escalation nella regione in seguito alle violenze a Gaza.

La Svizzera ha sostenuto la risoluzione e si è immediatamente rammaricata dell'esito del voto. Nella sua dichiarazione di voto, ha ribadito la sua posizione sull'attuale escalation in Medio Oriente e ha sottolineato che la richiesta di un immediato cessate il fuoco umanitario a Gaza è in linea con l'impegno collettivo del Consiglio di sicurezza di rispettare e far rispettare le Convenzioni di Ginevra e il diritto umanitario internazionale in ogni circostanza. "Non possiamo permettere che centinaia di migliaia di civili assediati siano lasciati morire di fame e soffrire di epidemie senza adeguate garanzie di sicurezza per la fornitura di assistenza umanitaria e per la loro stessa protezione", ha dichiarato la Svizzera.

Durante i negoziati sulla risoluzione, la Svizzera ha svolto un ruolo decisivo nel garantire che la richiesta di rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi, il rispetto del diritto internazionale e la protezione della popolazione civile fossero inclusi nel testo della risoluzione. La Svizzera invita le parti in conflitto ad attuare senza indugio le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell'ONU adottate a dicembre e novembre 2023 relative alla situazione in loco. Sono urgenti il rilascio immediato degli ostaggi, un cessate il fuoco umanitario, l'accesso senza ostacoli degli aiuti umanitari a Gaza e il pieno rispetto del diritto umanitario internazionale e dei diritti umani da parte di tutte le parti. Su questa base, va poi avviato un dialogo politico, con l'obiettivo di una soluzione a due Stati.

Dichiarazione della Svizzera dopo il voto, Consiglio di sicurezza dell’ONU, 20.02.2024 (fr, en)

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

31.01.2024 – 18.00

Consiglio di Sicurezza dell'ONU: i provvedimenti della Corte internazionale di giustizia sono validi per entrambe le parti

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha discusso oggi nuovamente della situazione attuale in Medio Oriente. La Svizzera ha ribadito la sua posizione, chiedendo in particolare il rispetto del diritto internazionale umanitario. Alla luce della situazione umanitaria catastrofica di Gaza, è urgente una tregua umanitaria per consentire l'accesso umanitario e il rilascio di tutti gli ostaggi. La Svizzera ha ribadito un sostegno assoluto alla Corte internazionale di giustizia e ha ricordato che le misure provvisorie del 26 gennaio sono valide per entrambe le parti. Si aspetta che Israele si conformi all'ordine della Corte e prenda le misure necessarie per prevenire la commissione di qualsiasi atto di genocidio e il relativo incitamento. Ciò richiede misure efficaci che devono essere adottate senza indugio, in modo che possano essere forniti anche i servizi di base e gli aiuti umanitari.

A New York, la Svizzera ha anche espresso la sua preoccupazione per le gravi accuse mosse ai dipendenti dell'UNRWA sospettati di essere coinvolti negli atti terroristici del 7 ottobre. La Svizzera applica una politica di tolleranza zero nei confronti di qualsiasi sostegno al terrorismo e di qualsiasi incitamento all'odio o alla violenza. La Svizzera ha preso atto delle misure immediate adottate dall'UNRWA nei confronti dei suoi collaboratori e si aspetta che l'indagine interna faccia piena luce su queste accuse.

Infine, la Svizzera ha messo in guardia dalla regionalizzazione del conflitto e ha ribadito che il rispetto del diritto internazionale, il cessate il fuoco umanitario, l'accesso a Gaza per la consegna degli aiuti e il rilascio degli ostaggi sono solo i primi passi verso una soluzione politica duratura del conflitto, che deve basarsi su una soluzione a due Stati.

Dichiarazione della Svizzera sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di sicurezza dell'ONU, 31.01.2024 (fr)

23.01.2024 – 22.00

Medio Oriente: il consigliere federale Cassis sottolinea la necessità di una soluzione globale

Il 23 gennaio, il consigliere federale Ignazio Cassis ha partecipato a un dibattito ministeriale sulla situazione in Medio Oriente presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Sotto la presidenza francese, l'obiettivo del dibattito era quello di contribuire a far concreti passi in avanti verso una soluzione politica della crisi in Medio Oriente. Il capo del DFAE ha esposto al Consiglio un'analisi della situazione e ha presentato il suo punto di vista sulle possibili soluzioni al conflitto e per una pace duratura nella regione. 

Il consigliere federale Ignazio Cassis ha ribadito ieri la posizione del Consiglio federale sul conflitto in Medio Oriente durante un dibattito di alto livello al Consiglio di sicurezza dell'ONU. Il capo del DFAE ha condannato gli attacchi terroristici di Hamas contro Israele e ha chiesto il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi detenuti da Hamas. Ha inoltre sottolineato la precaria situazione umanitaria a Gaza: «Dal 7 ottobre, non sembra esserci limite alla violenza in Israele, a Gaza e nei Territori palestinesi occupati».

Il Consigliere federale Ignazio Cassis interviene al Consiglio di sicurezza dell'ONU.
Il Consigliere federale Ignazio Cassis al dibattito ministeriale sul Medio Oriente al Consiglio di sicurezza dell'ONU. © DFAE

Il capo del DFAE ha anche sottolineato l’impegno del Consiglio di sicurezza dell’ONU nel conflitto in Medio Oriente. Il Consiglio ha recentemente adottato risoluzioni essenziali che sono molto difficili da attuare. Solo una parte degli ostaggi è stata rilasciata, i civili sono vittime quotidiane dei combattimenti e il diritto internazionale umanitario viene continuamente violato. «Non possiamo cedere alla frustrazione. Non possiamo lasciarci scoraggiare», ha dichiarato Ignazio Cassis, evidenziando la necessità di un approccio globale per giungere a una soluzione che coinvolga in particolare gli Stati della regione., «Senza un consenso politico regionale, una pace duratura in Medio Oriente non potrà essere raggiunta», ha aggiunto il capo del DFAE. A livello diplomatico, gli ultimi anni hanno dimostrato che c'è spazio per un accordo politico e per interessi comuni tra Israele e gli Stati della regione. Questo margine di manovra deve essere utilizzato per lavorare a una pace duratura, che richiederà una soluzione a due Stati. «Questa è l'unica soluzione che darà a israeliani e palestinesi la prospettiva di vivere in pace e sicurezza», ha sottolineato il consigliere federale.

Il capo del DFAE ha invitato le parti in conflitto, gli Stati della regione e i membri del Consiglio di sicurezza ad agire per porre le basi di una cessazione duratura delle ostilità e di una soluzione politica alla crisi. Ciò richiederà l'immediato rilascio degli ostaggi, un cessate il fuoco umanitario, il libero accesso degli aiuti umanitari a Gaza e il pieno rispetto del diritto internazionale umanitario. La Svizzera è pronta a sostenere questi sforzi in collaborazione con Israele, l'Autorità Palestinese e gli Stati della regione.

Discorso del consigliere federale Ignazio Cassis sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, 23.01.2024

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

12.01.2024 – Medio Oriente: la Svizzera chiede la piena attuazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Nel corso di una riunione d'emergenza, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha di nuovo discusso la situazione in Medio Oriente, in particolare l'espulsione forzata della popolazione palestinese. La Svizzera ha espresso la sua preoccupazione per il costante aumento della violenza e delle sofferenze della popolazione civile. A fronte della situazione umanitaria drammatica, ha chiesto di agevolare l'accesso umanitario alla Striscia di Gaza e di liberare gli ostaggi ancora detenuti. A tal fine, la Svizzera ha sottolineato la necessità di un cessate il fuoco umanitario duraturo. In seno al Consiglio di Sicurezza, la Svizzera ha nuovamente condannato gli attacchi terroristici di Hamas del 7 ottobre, in particolare la violenza sessuale contro donne e ragazze.

Per alleviare le sofferenze della popolazione civile, è essenziale che le due risoluzioni del Consiglio di Sicurezza sul Medio Oriente adottate a novembre e dicembre siano pienamente applicate. In particolare, queste risoluzioni chiedono di aumentare gli aiuti umanitari a Gaza garantendo un accesso rapido, sicuro e senza ostacoli, in conformità con il diritto umanitario internazionale. Si prospetta una grave carestia, di cui già soffre quasi mezzo milione di persone a Gaza.

A New York, la Svizzera ha anche sottolineato che le Convenzioni di Ginevra vietano gli spostamenti forzati di popolazione e che tali spostamenti possono costituire un crimine di guerra. Si oppone alle richieste di espulsione di civili dai territori palestinesi occupati, compresa Gaza, e ha invitato i leader di tutte le parti ad astenersi da qualsiasi dichiarazione provocatoria. Inoltre, tutte le violazioni del diritto internazionale commesse in Israele e nei Territori Palestinesi Occupati devono essere indagate e i responsabili devono essere chiamati a rispondere davanti alle autorità competenti. A tal fine, la Corte penale internazionale (CPI) sta attualmente svolgendo un'indagine sulla situazione nei Territori palestinesi occupati, che riguarda tanto gli eventi del 7 ottobre quanto quelli in corso a Gaza e in Cisgiordania.

La ricerca di una soluzione politica è urgente. Per questo motivo, la Svizzera continua a sostenere la soluzione a due Stati, in modo che Gaza possa essere ricostruita come parte di un futuro Stato palestinese, che possa esistere in pace e all'interno di confini sicuri e riconosciuti, fianco a fianco con Israele.

Dichiarazione della Svizzera sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 12.01.2024

29.12.2023 – 19.30

Consiglio di Sicurezza dell'ONU: la Svizzera ribadisce la necessità di una soluzione politica duratura in Medio Oriente

Su richiesta degli Emirati Arabi Uniti, venerdì 29 dicembre si è tenuta una riunione d'emergenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere la situazione attuale in Medio Oriente. Il protrarsi delle ostilità a Gaza e l'aumento della violenza in Cisgiordania sono preoccupanti e rafforzano la minaccia di un'estensione regionale del conflitto. Tali sviluppi mettono a repentaglio la prospettiva politica di attuare una soluzione a due Stati, così come sostenuto dalla Svizzera.

A fronte degli eventi attuali, la Svizzera ha ribadito che il rispetto del diritto umanitario internazionale e dei diritti umani, la protezione dei civili e il rilascio degli ostaggi devono rimanere una priorità per il Consiglio di sicurezza. La Svizzera ha inoltre insistito sulla necessità di una soluzione politica duratura in Medio Oriente.

A nome della Svizzera e del Brasile, in qualità di punti focali informali sui conflitti e la fame all'interno del Consiglio di Sicurezza, è stata resa anche una dichiarazione sulla grave insicurezza alimentare nella Striscia di Gaza, di cui soffre oltre il 90% della popolazione.

Dichiarazione della Svizzera al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, 29.12.2023 (fr, en)

Dichiarazione congiunta di Svizzera e Brasile al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, 29.12.2023 (PDF, 1 Pagina, 107.0 kB, inglese)

22.12.2023 – 18.30

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite adotta una risoluzione a favore dell’aumento degli aiuti umanitari a Gaza

A fronte del drastico deterioramento della situazione nella Striscia di Gaza, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato oggi una risoluzione volta ad aumentare gli aiuti umanitari alla Striscia. La risoluzione intende rispondere ai bisogni umanitari urgenti della popolazione civile, poiché condanna tutti gli attacchi contro i civili, compresi gli atti di terrorismo - tra cui quelli di Hamas del 7 ottobre - e richiede:

  • il rispetto del diritto umanitario internazionale da parte di tutte le parti in conflitto
  • l'accesso rapido e senza ostacoli per consentire l'invio di forniture umanitarie, compreso un meccanismo dell'ONU per gli aiuti umanitari e l'apertura di diversi valichi di frontiera
  • il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi rimasti
  • la protezione della popolazione civile da parte di entrambe le parti in conflitto
  • la necessità di una soluzione a due Stati
  • e la richiesta di istituire le condizioni per una cessazione permanente delle ostilità.

La Svizzera ha appoggiato la risoluzione presentata al Consiglio dagli Emirati Arabi Uniti. Contribuisce ad alleviare la situazione umanitaria drammatica nella Striscia di Gaza e comprende vari aspetti della posizione della Svizzera sul conflitto attuale. Questi includono il rispetto del diritto umanitario internazionale da parte di tutte le parti in conflitto, il rilascio di tutti gli ostaggi, la garanzia di un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli alla Striscia di Gaza e la necessità di una soluzione a due Stati.

Con l'obiettivo di facilitare un accesso umanitario rapido e senza ostacoli, la risoluzione adottata oggi sottolinea l'urgente necessità di prendere in considerazione misure per creare le condizioni per una cessazione permanente delle ostilità. Ciò non compromette il diritto di Israele di garantire la propria difesa e sicurezza, bensì dovrebbe facilitare l'accesso umanitario e consentire il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi. Nella sua dichiarazione dopo il voto, la Svizzera ha espresso soddisfazione in merito alla decisione del Consiglio e ha sottolineato che la risoluzione odierna deve essere complementare al diritto umanitario internazionale, secondo il quale tutte le parti in conflitto e gli altri Stati sono tenuti a consentire e agevolare le misure di aiuto per la popolazione in difficoltà.

Dichiarazione della Svizzera dopo il voto, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 22.12.2023

12.12.2023 – 22.30

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite adotta una risoluzione a favore del cessate il fuoco umanitario

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato oggi una risoluzione a favore di un cessate il fuoco umanitario e di un aumento degli aiuti umanitari a Gaza. Venerdì scorso, una risoluzione dal contenuto in gran parte identico è stata bocciata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a causa del veto degli Stati Uniti. La risoluzione, che è stata presentata ai 193 Stati membri dell'ONU nell'Assemblea Generale dall'Egitto a nome degli Stati arabi, richiede

  • Un cessate il fuoco umanitario immediato
  • Il rispetto del diritto umanitario internazionale da parte di entrambe le parti in conflitto
  • la protezione dei civili israeliani e palestinesi
  • l'immediato rilascio di tutti gli ostaggi rimasti

Durante i negoziati sulla bozza di risoluzione presentata dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) al Consiglio di Sicurezza dell'ONU per il voto di venerdì scorso, la Svizzera è riuscita a far sì che la richiesta di protezione dei civili di entrambe le parti e l'immediato rilascio di tutti gli ostaggi rimasti venissero inseriti nella bozza di testo.

La risoluzione risponde al bisogno più urgente in Medio Oriente: La protezione dei civili da entrambe le parti. Dopo il voto, la Svizzera ha sottolineato il suo sostegno alla risoluzione e ha chiesto la sua attuazione. Ha anche dichiarato che intende un cessate il fuoco umanitario come una pausa umanitaria limitata nel tempo che non pregiudica il diritto di Israele alla difesa e alla sicurezza. Infine, la Svizzera ha ricordato che le parti in conflitto devono adempiere agli obblighi previsti dal diritto umanitario internazionale e rispettare i diritti umani. Il Consiglio federale ha discusso la bozza di risoluzione del Consiglio di Sicurezza nella riunione dell'8 dicembre 2023.

L'Assemblea Generale ha votato oggi anche due emendamenti presentati dall’Austria e dagli Stati Uniti. La mozione austriaca chiedeva di chiarire che gli ostaggi sono detenuti da Hamas e da altri gruppi, mentre la mozione statunitense condannava gli atti di terrore di Hamas dal 7 ottobre. I due emendamenti sono falliti per mancanza di maggioranza. Anche la Svizzera ha sostenuto queste due mozioni.

A differenza delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, le risoluzioni dell'Assemblea Generale non sono vincolanti ai sensi del diritto internazionale. In questo contesto, la risoluzione adottata oggi ha principalmente un effetto di segnalazione. Deve essere vista come una raccomandazione da parte della maggioranza della comunità internazionale. Perché l'Assemblea Generale possa adottare decisioni in materia di pace e sicurezza, è necessaria una maggioranza di due terzi. La risoluzione adottata oggi si concentra sulle questioni umanitarie e fa riferimento alla lettera del Segretario Generale dell'ONU António Guterres del 6 dicembre, in cui invitava il Consiglio di Sicurezza ad adottare misure per alleviare l'emergenza umanitaria nella Striscia di Gaza.

Dichiarazione della Svizzera dopo il voto

08.12.2023 – 21.30

La risoluzione a favore del cessate il fuoco umanitario fallisce nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU a causa del veto

Il 6 dicembre il Segretario generale delle Nazioni Unite ha scritto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. A fronte della situazione difficile nella Striscia di Gaza, António Guterres ha chiesto un cessate il fuoco umanitario. In questo contesto, gli Emirati Arabi Uniti hanno presentato al Consiglio di Sicurezza una risoluzione che chiede un immediato cessate il fuoco umanitario, il rispetto del diritto umanitario internazionale e la protezione dei civili israeliani e palestinesi da parte di entrambe le parti in conflitto, nonché l'immediato rilascio di tutti gli ostaggi rimasti. La Svizzera aveva sostenuto la risoluzione. La risoluzione è però fallita a causa del veto degli Stati Uniti. Durante i negoziati, la Svizzera raggiunse l'obiettivo di includere nel testo della risoluzione la protezione dei civili da parte di entrambe le parti e il rilascio degli ostaggi.

La risoluzione connotava un obiettivo umanitario e mirava a migliorare la situazione catastrofica della popolazione civile nella Striscia di Gaza. Dopo il voto, la Svizzera ha chiarito che il cessate il fuoco umanitario richiesto nella risoluzione sarebbe stato inteso come una pausa umanitaria limitata nel tempo che non avrebbe minato il diritto di Israele alla difesa e alla sicurezza. Il Consiglio federale ha discusso il progetto di risoluzione nella sua riunione di oggi.

La Svizzera si dispiace per la decisione odierna del Consiglio. Continuerà a fare pressioni sul Consiglio di Sicurezza affinché si adottino misure che vadano oltre l'aiuto umanitario. Gli aiuti umanitari sono necessari per la sopravvivenza, ma non risolveranno il conflitto. Una soluzione a due Stati negoziata da entrambe le parti è la base per la pace e la stabilità in Medio Oriente.

Dichiarazione della Svizzera dopo il voto (fr)

Dichiarazione della Svizzera, Briefing sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 08.12.2023 (fr)

04.12.2023 – Una famiglia di quattro persone ha potuto lasciare la Striscia di Gaza

Lunedì 4 dicembre una famiglia di quattro persone ha potuto lasciare la Striscia di Gaza attraverso il valico di frontiera di Rafah. La famiglia è stata accolta e assistita sul lato egiziano del confine dal personale dell'ambasciata svizzera al Cairo. Tutti i cittadini svizzeri noti al DFAE hanno così potuto lasciare Gaza. Il 2 e il 16 novembre otto cittadini svizzeri avevano già potuto lasciare la Striscia di Gaza.

29.11.2023 – 18.00

Medio Oriente: la Svizzera plaude alla liberazione degli ostaggi al Consiglio di Sicurezza dell'ONU

In presenza di vari ministri, il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha discusso oggi dell'urgenza della situazione in Medio Oriente. L'ambasciatore Thomas Gürber, capo della Divisione ONU del DFAE, ha rappresentato la Svizzera. All'inizio delle discussioni, il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato al Consiglio di sicurezza che la situazione in Medio Oriente si sta deteriorando e ha esortato a invertire la tendenza.

L'Ambasciatore Thomas Gürber parla al tavolo a ferro di cavallo del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a New York.
L'Ambasciatore Thomas Gürber ha ribadito al Consiglio di Sicurezza dell'ONU la posizione della Svizzera sull'attuale conflitto in Medio Oriente. © UN Photo

Thomas Gürber ha fatto riferimento alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza sulla protezione dei bambini, adottata il 15 novembre. La risoluzione rappresenta un passo importante per il Consiglio nella gestione del conflitto attuale, poiché invita tutte le parti a rispettare i propri obblighi in materia di diritto internazionale e di diritto umanitario internazionale, in particolare per quanto riguarda la protezione dei civili.

La Svizzera plaude alla liberazione degli ostaggi e ringrazia gli Stati coinvolti per i propri sforzi di mediazione, nonché il CICR per il ruolo svolto nell'attuazione della liberazione degli ostaggi. L'ambasciatore Gürber ha ribadito la richiesta della Svizzera al rilascio di tutti gli ostaggi. Per raggiungere questo obiettivo, sono necessarie pause umanitarie, come richiesto dal Consiglio nella sua risoluzione. Thomas Gürber ha sottolineato che le pause umanitarie devono essere prorogate a questo scopo, ma anche per fornire assistenza umanitaria alla popolazione civile della Striscia di Gaza.

Gli aiuti umanitari sono fondamentali, ma non rappresentano una soluzione duratura al conflitto. La Svizzera continuerà a lavorare in seno al Consiglio di Sicurezza per promuovere il consenso e una soluzione politica al conflitto. Una soluzione a due Stati, in cui le popolazioni israeliane e palestinesi possano convivere in pace, sicurezza e dignità, è l'unica base per garantire pace e stabilità in Medio Oriente.

Thomas Gürber ha inoltre ribadito al Consiglio la posizione della Svizzera sull'attuale conflitto: la Svizzera condanna fermamente gli attacchi terroristici di Hamas del 7 ottobre, riconosce il legittimo diritto di Israele di garantire la propria sicurezza e difesa e chiede a tutte le parti di rispettare il diritto umanitario internazionale per proteggere la popolazione civile. Infine, chiede un accesso umanitario rapido e senza ostacoli alla Striscia di Gaza.

Dichiarazione della Svizzera sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 29.11.2023 (fr)

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

22.11.2023 – Il consiglio federale decide di vietare Hamas con una legge federale

L’11 ottobre 2023, quattro giorni dopo l’attacco terroristico contro civili in Israele partito dalla Striscia di Gaza, il Consiglio federale ha ritenuto che Hamas dovesse essere considerata un’organizzazione terroristica. Ha quindi chiesto al DFAE di chiarire quali fossero le opzioni giuridiche per mettere al bando questa organizzazione. Nella seduta del 22 novembre 2023, l’Esecutivo ha deciso di elaborare a tale scopo una legge federale. È infatti dell’avviso che sia il modo migliore per rispondere alla situazione venutasi a creare in Medio Oriente dopo il 7 ottobre. La nuova legge metterà a disposizione delle autorità federali strumenti adeguati per lottare contro le eventuali azioni di Hamas o le attività di sostegno a questa organizzazione in Svizzera. Il DFGP e il DDPS, in collaborazione con il DFAE, sono stati incaricati di presentare un progetto di legge federale entro la fine di febbraio 2024.

L’11 ottobre il Consiglio federale ha inoltre incaricato il DFAE di effettuare un’analisi dettagliata dei flussi finanziari legati alle ONG partner del programma di cooperazione per il Medio Oriente 2021–2024. Nella seduta del 22 novembre 2023 è stato informato dei risultati delle analisi svolte finora, che non hanno evidenziato irregolarità, e delle nuove misure di controllo previste per il futuro.

Undici ONG partner sono inoltre state sottoposte a un esame approfondito per verificare il rispetto del codice di comportamento e della clausola contrattuale anti-discriminatoria del DFAE. In otto casi non è stata trovata alcuna prova di non conformità e pertanto la relazione contrattuale con il DFAE proseguirà. In altri tre, invece, il controllo ha fatto emergere elementi di non conformità che hanno portato all’interruzione della collaborazione.

Comunicato stampa

Elenco delle organizzazioni partner del DFAE in Medio Oriente (fr)

16.11.2023 – 14.00

Un cittadino svizzero con doppia cittadinanza ha potuto lasciare la Striscia di Gaza

La mattina del 16 novembre 2023, un altro cittadino svizzero con doppia nazionalità ha potuto lasciare la Striscia di Gaza attraverso il valico di frontiera di Rafah. L'uomo è stato accolto e assistito sul lato egiziano del confine dal personale dell'Ambasciata svizzera al Cairo. Con quest’ultima partenza, tutti i cittadini svizzeri con doppia cittadinanza che avevano espresso il desiderio di lasciare Gaza, hanno ora potuto farlo. Sette persone avevano già lasciato il Paese il 2 novembre. Il DFAE è pure a conoscenza di quattro ulteriori persone che desiderano invece rimanere a Gaza.

15.11.2023 – 22.00

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite adotta una risoluzione sulla protezione dei bambini in Medio Oriente

Dopo settimane di discussioni, il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha adottato oggi una risoluzione sulla protezione dei bambini in Medio Oriente. Il testo della risoluzione, che è stato messo ai voti da Malta in qualità di presidente del gruppo di lavoro del Consiglio sulla protezione dei bambini nei conflitti armati, chiede la protezione dei bambini attraverso “pause umanitarie” temporanee.

Secondo la risoluzione, le pause devono servire, tra l’altro, a fornire aiuti umanitari alla popolazione civile, soprattutto ai bambini, ad evacuare i bambini malati e feriti dalla Striscia di Gaza e a salvare quelli dispersi. Per poter garantire queste azioni, la risoluzione chiede un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli per le organizzazioni umanitarie dell'ONU, i suoi partner e il CICR durante le pause dei combattimenti.

La risoluzione adottata dal Consiglio di sicurezza chiede anche che tutte le parti rispettino il diritto umanitario internazionale e garantiscano la protezione della popolazione civile e dei bambini in particolare, una priorità della politica estera svizzera. Il testo chiede anche il rilascio di tutti gli ostaggi detenuti da Hamas dal 7 ottobre.

La Svizzera ha sostenuto la risoluzione perché tiene conto dell'urgente situazione umanitaria nella Striscia di Gaza. La risoluzione riflette quattro priorità svizzere: (1) pause e tregue umanitarie per un accesso umanitario rapido; (2) rispetto del diritto internazionale umanitario; (3) rilascio degli ostaggi e (4) prevenzione del prolungamento del conflitto. Il testo conciso riportato nella risoluzione, orientato alle esigenze operative, si astiene deliberatamente dal contestualizzare la situazione politica, soprattutto perché non è stato possibile raggiungere un consenso durante i negoziati. In quanto Paese con una lunga tradizione umanitaria e Stato depositario delle Convenzioni di Ginevra, la protezione dei bambini nei conflitti è di particolare interesse per la Svizzera. Secondo il diritto umanitario internazionale e le Convenzioni di Ginevra, i civili, compresi i bambini, devono essere protetti nei conflitti. Nella sua dichiarazione di voto, la Svizzera ha ribadito la posizione del Consiglio federale sull'attuale conflitto in Medio Oriente, in particolare la condanna degli atti di terrore di Hamas e il riconoscimento del diritto di Israele di garantire la propria difesa e sicurezza. La cosiddetta «Dichiarazione dopo il voto» offre agli Stati dell'ONU l'opportunità di presentare le loro posizioni e valutazioni dettagliate oltre al voto.

Dopo quattro tentativi falliti da parte del Consiglio di sicurezza di adottare una risoluzione sul Medio Oriente dal 7 ottobre, la risoluzione di oggi è una testimonianza della sua capacità di agire e prendere decisioni. Allo stesso tempo, la risoluzione invia un segnale importante a tutti gli attori e alla popolazione civile colpita sul posto. L'ultima volta che il Consiglio di sicurezza è riuscito ad adottare una risoluzione sul Medio Oriente è stato nel 2016. La Svizzera continuerà a sostenere in seno al Consiglio l'adozione di misure che vadano oltre la protezione della popolazione civile e che affrontino la situazione generale dell'attuale conflitto in Medio Oriente – in particolare una risoluzione che condanni gli attacchi terroristici di Hamas, che chieda il rilascio di tutti gli ostaggi, che riconosca il diritto di Israele di garantire la propria sicurezza e che richieda un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli a Gaza.

Dichiarazione della Svizzera dopo il voto, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 15.11.2023 (fr)

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

10.11.2023 – 22.00

Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: gli interventi umanitari vanno garantiti in modo sicuro ed efficace

A fronte della situazione in Medio Oriente, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto oggi un'altra riunione d'emergenza. Tedros Ghebreyesus, Direttore generale dell'OMS, ha presentato al Consiglio un resoconto di prima mano della situazione umanitaria drammatica in cui versa la Striscia di Gaza.

In linea con la sua posizione (si veda il riquadro all'inizio di questo Newsticker), la Svizzera ha fermamente condannato gli attacchi terroristici di Hamas in seno al Consiglio, ha chiesto il rilascio immediato di tutti gli ostaggi di Hamas e ha riconosciuto il diritto di Israele di garantire la propria difesa e sicurezza. Ha inoltre ribadito che tutte le parti devono rispettare il diritto umanitario internazionale.

Il diritto internazionale umanitario regola la condotta della guerra e protegge le vittime dei conflitti armati. La sua portata è universale. In quanto Paese con una lunga tradizione umanitaria nonché depositario delle Convenzioni di Ginevra, la Svizzera considera la protezione dei civili uno dei pilastri centrali della sua politica estera e una priorità stabilita sin dalla sua adesione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. In seno al Consiglio, la Svizzera ha espresso la sua profonda preoccupazione per la situazione umanitaria drammatica a Gaza. Ha sottolineato che la popolazione civile, rimasta priva di acqua, elettricità e servizi vitali, ha urgentemente bisogno di aiuti e protezione. Il diritto umanitario internazionale richiede anche la protezione delle strutture mediche e degli addetti umanitari. Quanto successo martedì scorso, quando è stato preso di mira un convoglio del CICR che trasportava forniture per l'ospedale Al-Quds di Gaza, illustra il clima di insicurezza in cui operano le organizzazioni umanitarie a Gaza.

Nell'ambito del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Svizzera continuerà a contribuire attivamente affinché il Consiglio adotti misure urgenti, quali la richiesta di pause o tregue umanitarie, per garantire un accesso rapido e senza ostacoli agli aiuti umanitari a Gaza. Ciò dovrebbe consentire al CICR e agli altri attori umanitari di alleviare l'aggravarsi della crisi sanitaria nel Paese. Alla conferenza umanitaria internazionale tenutasi ieri a Parigi, la Svizzera ha ribadito un finanziamento aggiuntivo di 90 milioni di franchi svizzeri per gli aiuti umanitari d'emergenza in tutta la regione. 

Dichiarazione della Svizzera sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 10.11.2023

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

06.11.2023 – 21.00

Consiglio di sicurezza dell'ONU: riunione di emergenza sulla situazione a Gaza

In occasione di una riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Svizzera ha espresso profonda preoccupazione per le vittime civili a Gaza. Le preoccupazioni valgono anche per gli ospedali, gli edifici delle Nazioni Unite e altre installazioni civili nella Striscia di Gaza colpiti. La Svizzera ha sottolineato che gli obblighi del diritto internazionale umanitario sono chiari: la popolazione civile e le proprietà civili devono essere protette, sia in Israele che nella Striscia di Gaza.

Nel contempo, la Svizzera ha condannato ancora una volta in modo inequivocabile gli atti di terrorismo e i lanci di razzi da parte di Hamas contro la popolazione israeliana, in linea con la sua posizione (si veda il riquadro all'inizio del Newsticker). Ha chiesto il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi detenuti da Hamas a Gaza. La Svizzera riconosce il diritto di Israele a garantire la propria difesa e sicurezza e ricorda che tutte le parti sono tenute a rispettare il diritto umanitario internazionale. A fronte della situazione umanitaria drammatica a Gaza, la Svizzera ha sollecitato la consegna rapida e senza ostacoli di beni e servizi di base a tutti i civili che ne hanno bisogno.

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

02.11.2023 – 14.00

Sette cittadini svizzeri sono arrivati in sicurezza in Egitto

Il DFAE conferma che sette cittadini svizzeri, di cui sei con doppia cittadinanza, hanno potuto lasciare oggi la Striscia di Gaza attraverso il valico di Rafah. Le sette persone sono state accolte dal personale dell'Ambasciata svizzera al Cairo. Vengono assistite sotto tutela consolare. Il DFAE è a conoscenza di un Palestinese, con cittadinanza svizzera, in attesa di una possibile partenza. Altri quattro cittadini con doppia cittadinanza hanno deciso di rimanere nella Striscia di Gaza per il momento.

01.11.2023 – 14.00

Il Consiglio federale vuole stanziare più fondi per l’aiuto umanitario

Nella sua seduta di oggi, il Consiglio federale ha deciso di chiedere al Parlamento ulteriori fondi per l’aiuto umanitario in Israele, nel Territorio palestinese occupato e nei Paesi limitrofi. I 90 milioni di franchi previsti saranno destinati alle seguenti organizzazioni:

Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR)

15 milioni

Società nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICR)

15 milioni

Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA)

25 milioni

Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF)

10 milioni

Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (PAM)

10 milioni

Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Medici senza frontiere, Fondazione Terre des Hommes Svizzera, Médecins du Monde Svizzera

15 milioni

Di questi importi, per un totale di 90 milioni di franchi, 4 milioni di franchi sono contributi propri del DFAE. Il credito aggiuntivo richiesto ammonta quindi a 86 milioni di franchi.

30.10.2023 – 21.00

Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: Riunione d'emergenza sulla situazione in Medio Oriente

A fronte di un'intensificazione delle ostilità in Medio Oriente nel corso del fine settimana, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto oggi una riunione d'emergenza. La Svizzera ha ribadito che la necessità di proteggere la popolazione civile è e deve rimanere un compito centrale del Consiglio di sicurezza dell'ONU. La popolazione civile deve essere protetta in Israele, nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania.

La Svizzera condanna esplicitamente gli attacchi terroristici e la presa di ostaggi da parte di Hamas. Chiede il rilascio immediato e incondizionato degli ostaggi ed esprime la sua solidarietà alla popolazione israeliana. A tre settimane dall'inizio delle ostilità, la situazione umanitaria a Gaza è drammatica. La popolazione soffre la mancanza di beni di prima necessità, quali acqua ed elettricità. A fronte di questa situazione, la Svizzera invita tutte le parti ad adempiere agli obblighi previsti dal diritto umanitario internazionale e a consentire un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli agli aiuti umanitari a Gaza.

Vista sulla sala del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
A fronte di un'intensificazione delle ostilità in Medio Oriente nel corso del fine settimana, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto oggi una riunione d'emergenza. © DFAE

Il diritto umanitario internazionale, comprese le Convenzioni di Ginevra, ha validità universale. Fornisce il quadro giuridico per la protezione delle popolazioni civili nei conflitti. La Svizzera riconosce il legittimo desiderio di Israele di garantire la propria difesa e sicurezza nazionale. Ricorda che il diritto internazionale umanitario tiene conto di esigenze legittime come la sicurezza e la necessità militare, motivo per cui deve essere rispettato senza eccezioni. Le violazioni del diritto umanitario internazionale e del diritto dei diritti umani in Medio Oriente devono essere indagate e i responsabili chiamati a risponderne.

Nelle ultime settimane, nell'ambito del Consiglio di Sicurezza e dell'Assemblea Generale dell'ONU, la Svizzera si è schierata a favore di misure quali le pause umanitarie e il cessate il fuoco umanitario. Ha di nuovo invitato il Consiglio di Sicurezza a collaborare al fine di porre fine alle violenze. Nelle ultime due settimane, quattro risoluzioni sul Medio Oriente sono state bocciate dal Consiglio. La Svizzera continua a impegnarsi attivamente a favore di un'azione comune del Consiglio di Sicurezza e di una soluzione pacifica.

Dichiarazione della Svizzera sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 30.10.2023 (fr)

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

27.10.2023 – 21.00

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite adotta una risoluzione sulla situazione in Medio Oriente

La situazione umanitaria in Medio Oriente peggiora ogni giorno di più, in particolare a Gaza. Dopo il fallimento di quattro risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il 27 ottobre il Presidente dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (GA) ha convocato una sessione speciale urgente dell'Assemblea dedicata al Medio Oriente. Essa è stata sollecitata da diversi Stati. Con una maggioranza di 121 voti a favore, 14 contrari e 44 astensioni, l'Assemblea Generale ha adottato una risoluzione sulla situazione in Medio Oriente (fr). La risoluzione esige una tregua umanitaria immediata, un accesso umanitario rapido, senza ostacoli e sicuro alla Striscia di Gaza e il rispetto del diritto umanitario internazionale da parte di tutte le parti in conflitto. La Svizzera ha sostenuto la risoluzione. Evidenziando la protezione della popolazione civile, la risoluzione trae ispirazione dalla bozza di risoluzione del Brasile al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, fallita la scorsa settimana a causa del veto degli Stati Uniti.

La Svizzera si è schierata per condannare esplicitamente gli attacchi terroristici di Hamas e ha reclamato il rilascio immediato e incondizionato degli ostaggi. Un emendamento in tal senso, presentato dal Canada e sostenuto dalla Svizzera, non ha ottenuto i voti necessari.

Il diritto umanitario internazionale, comprese le Convenzioni di Ginevra, ha validità universale. Fornisce il quadro giuridico per la protezione delle popolazioni civili nei conflitti. La Svizzera riconosce il legittimo desiderio di Israele di garantire la propria difesa e sicurezza nazionale. Ricorda che il diritto internazionale umanitario tiene conto di esigenze legittime come la sicurezza e la necessità militare, motivo per cui deve essere rispettato senza eccezioni. Le violazioni del diritto umanitario internazionale e del diritto dei diritti umani in Medio Oriente devono essere indagate e i responsabili chiamati a risponderne.

La Svizzera condanna con la massima severità gli attacchi terroristici di Hamas. A tre settimane dall'inizio delle ostilità, la situazione umanitaria nella Striscia di Gaza è drammatica. La popolazione soffre la mancanza di beni di prima necessità, quali acqua ed elettricità. A fronte di questa situazione, la Svizzera chiede a tutte le parti di adempiere agli obblighi previsti dal diritto umanitario internazionale, di proteggere la popolazione civile e di consentire un accesso rapido, sicuro e senza ostacoli agli aiuti umanitari a Gaza.

Dichiarazione di voto (fr, en)

Risoluzione, Assemblea Generale delle Nazioni Unite, 27.10.2023 (fr)

25.10.2023 – 22.30

Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: Nessun accordo sulla risoluzione relativa alla situazione in Medio Oriente

Il 25 ottobre 2023, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha votato una bozza di risoluzione degli Stati Uniti sulla situazione in Medio Oriente. L'adozione della risoluzione è fallita a causa del veto di Russia e Cina. La Svizzera ha sostenuto la risoluzione poiché avrebbe rappresentato un passo avanti da parte del Consiglio di Sicurezza per proteggere la popolazione civile in Medio Oriente. La risoluzione sottolineava anche le pause umanitarie come misura di accesso umanitario. La Svizzera ha partecipato attivamente ai negoziati che hanno preceduto il voto, al fin di garantire che il diritto umanitario internazionale e le pause umanitarie venissero sancite nel testo della risoluzione.

Il Consiglio ha votato anche su una bozza di risoluzione russa che non ha ottenuto una maggioranza. La Svizzera si è astenuta dal voto. La proposta russa chiedeva un cessate il fuoco umanitario, a cui la Svizzera aderiscein linea di principio, ma nel testo della risoluzione, peraltro non consultato preventivamente dai membri del Consiglio, presentava elementi che non corrispondevano alla posizione e alle valutazioni della Svizzera.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunisce a New York.
Il 25 ottobre 2023, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha votato una bozza di risoluzione sulla situazione in Medio Oriente. © UN Photo

Il giorno prima, in un dibattito aperto al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, la Svizzera ha ribadito la propria condanna gli attacchi di terroristici, il lancio indiscriminato di razzi contro la popolazione israeliana e la presa di ostaggi da parte di Hamas. Ha inoltre ribadito il legittimo desiderio di Israele di difesa e sicurezza nazionale e ha esortato tutte le parti a rispettare il diritto internazionale, in particolare il diritto umanitario internazionale. Ha inoltre invitato ad adottare misure di de-escalation. Poiché, la Svizzera ha sollecitato tutte le parti a eliminare gli ostacoli alla consegna rapida, sicura e libera degli aiuti a Gaza.

In quanto Stato depositario delle Convenzioni di Ginevra, la Svizzera considera la protezione dei civili una priorità assoluta al Consiglio di Sicurezza. «È essenziale proteggere la popolazione civile in Israele e a Gaza. Ci impegniamo a favore di un Consiglio di Sicurezza che consideri il rispetto del diritto umanitario internazionale una priorità, soprattutto nei casi urgenti», ha dichiarato l'Ambasciatrice svizzera Maya Tissafi, capa della Divisione Medio Oriente e Nord Africa (MENA) e responsabile della Task Force Medio Oriente, a New York.

Nel suo intervento, la Svizzera ha sottolineato il suo impegno dalla scorsa settimana affinché il Consiglio adotti una risoluzione che consenta pause umanitarie e un accesso rapido, sicuro e senza ostacoli alle forniture di soccorso a Gaza. La scorsa settimana, due risoluzioni sono fallite per mancanza di voti e per il veto degli Stati Uniti.

La Svizzera rimane convinta che le pause umanitarie siano urgenti e necessarie, affinché la popolazione civile possano ricevere di beni essenziali nonché le organizzazioni umanitarie possano accedere alla Striscia di Gaza in conformità con il diritto umanitario internazionale. Per raggiungere questo obiettivo, il Consiglio di Sicurezza dovrà individuare una soluzione. La Svizzera mantiene il suo impegno in tal senso.

La Svizzera ha sollecitato il Consiglio di Sicurezza dell'ONU a intensificare gli sforzi per adempiere alla sua responsabilità di proteggere i civili. Le misure umanitarie di emergenza sono essenziali nell'attuale contesto di escalation del conflitto. L'obiettivo di una pace sostenibile in Medio Oriente, basata su una soluzione a due Stati, non va perso di vista.

Dichiarazione dopo il voto: Situazione in Medio Oriente, 25.10.2023 (fr) 

Dichiarazione della Svizzera sulla situazione in Medio Oriente, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 24.10.2023

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

25.10.2023 – 13.00

Il DFAE sospende il suo sostegno finanziario a 11 ONG palestinesi e israeliane

Alla luce della nuova situazione creatasi dopo l'attacco di Hamas a Israele del 7 ottobre e la ripresa delle ostilità in Medio Oriente, il DFAE ha deciso di sospendere il proprio sostegno finanziario a undici ONG locali (sei palestinesi e cinque israeliane). Queste organizzazioni operano principalmente nel campo dei diritti umani e sono sostenute nell'ambito dei programmi di cooperazione del Dipartimento in Medio Oriente. Questa decisione consentirà di analizzare in modo approfondito la conformità della comunicazione di queste organizzazioni con il Codice di condotta e la clausola antidiscriminazione del DFAE, a cui sono soggetti i partner esterni. Le attività di cooperazione del DFAE in Medio Oriente devono adattarsi al nuovo contesto che si è venuto a creare dopo la ripresa delle ostilità. La pertinenza e la fattibilità dei programmi dovranno quindi essere analizzate in termini generali.

Il DFAE attribuisce grande importanza all’uso oculato del proprio sostegno finanziario. Il DFAE effettua sistematicamente un attento controllo di tutti i suoi partner, ad esempio attraverso visite sul campo o scambi con terze parti. La task force istituita dal Consiglio federale è stata inoltre incaricata di effettuare un'analisi dettagliata dei flussi finanziari legati al programma di cooperazione in Medio Oriente (cfr. comunicato stampa del Consiglio federale dell’11.10.2023).

24.10.2023 – 10.00

I cinque esperti svizzeri del team Disaster Victim Identification DVI CH sono rientrati in Svizzera. Hanno fornito supporto alle autorità israeliane nell'identificazione delle vittime dell'attacco terroristico perpetrato da Hamas.

La missione di cinque giorni in Israele, avvenuta a seguito di una richiesta ufficiale delle autorità israeliane, ha permesso di portare avanti il necessario lavoro forense.

22.10.2023 – 16.00

Il 21 ottobre 2023, un primo convoglio costituito da diversi camion ha consegnato alla Striscia di Gaza aiuti umanitari urgenti e necessari. Il convoglio ha attraversato il valico di frontiera di Rafah sabato mattina. In una dichiarazione, il DFAE ha salutato l'apertura del valico per le consegne di aiuti umanitari. Ha sottolineato la necessità di consegne regolari in acqua, medicine e cibo per assistere la popolazione della Striscia di Gaza.

Nel frattempo, un altro convoglio con beni umanitari ha raggiunto il valico di frontiera di Rafah, nel versante egiziano, e proseguirà verso Gaza. Il DFAE sottolinea che, oltre alle consegne di aiuti, servono anche pause umanitarie per fornire alla popolazione il sostegno necessario e urgente. Ringrazia l'Egitto, le Nazioni Unite e tutte le parti coinvolte che hanno reso finora possibile la consegna degli aiuti.

18.10.2023 – 17.00

Le popolazioni civili di Israele e della Striscia di Gaza sono le prime vittime del nuovo conflitto in Medio Oriente. Migliaia di persone in Israele e a Gaza, tra cui centinaia di bambini, hanno già perso la vita. A fronte della situazione, il 18 ottobre 2023 il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha votato una risoluzione presentata dal Brasile, che condanna gli attacchi di Hamas e esorta le parti a rispettare il diritto umanitario internazionale, a proteggere la popolazione civile e a permettere agli aiuti umanitari di raggiungere Gaza. La Svizzera ha sostenuto la risoluzione. L'adozione della risoluzione è fallita a causa di un veto americano. Il progetto di risoluzione presentato dal Brasile mirava a raggiungere un consenso all'interno del Consiglio di Sicurezza e presentava punti essenziali a parere della Svizzera. La Svizzera esprime quindi rammarico per il rifiuto odierno di questa importante risoluzione.

Lunedì sera, una risoluzione presentata dalla Russia è stata bocciata per mancanza di maggioranza. Il testo non presentava un riferimento chiaro al diritto internazionale umanitario, una delle priorità della Svizzera in seno al Consiglio di Sicurezza. La Svizzera si è astenuta durante il voto.

All'interno del Consiglio di Sicurezza, la Svizzera continua ad impegnarsi per trovare soluzioni che garantiscano che il Consiglio si assuma la responsabilità di proteggere le popolazioni civili in Medio Oriente. Ma rimane attiva anche al di fuori del Consiglio di Sicurezza, a livello multilaterale e bilaterale, per migliorare la situazione umanitaria nella regione.

Riunione di emergenza dopo l'esplosione all'ospedale Al-Ahli di Gaza

Subito dopo il voto sulla risoluzione, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto una riunione d'emergenza per discutere dell'esplosione all'ospedale Al-Ahli di Gaza. Secondo le Nazioni Unite, centinaia di persone sono state uccise e numerose ferite. La Svizzera ribadisce la necessità di proteggere gli ospedali e i civili in conformità con il diritto internazionale umanitario. Occorre condurre un'indagine approfondita.

L'impegno della Svizzera in seno al Consiglio di sicurezza per migliorare la situazione in Medio Oriente

Negli ultimi giorni, la Svizzera ha preso posizione sull'escalation della situazione in Medio Oriente in seno al Consiglio di sicurezza dell'ONU, durante diverse riunioni a porte chiuse. Venerdì scorso ha condannato ancora una volta gli atti terroristici di Hamas e ha riconosciuto il legittimo desiderio di Israele di garantire la propria difesa e sicurezza nazionale. Ha invitato entrambe le parti a rispettare il diritto internazionale e ha sottolineato che gli aiuti umanitari e medici devono essere forniti rapidamente e senza ostacoli. Durante i negoziati sulla risoluzione, la Svizzera si è impegnata a perseguire due obiettivi: tra questi, la condanna degli atti terroristici e la protezione della popolazione civile, nonché il rispetto del diritto internazionale, in particolare del diritto umanitario internazionale e dei diritti umani.

La Svizzera rimane convinta che una soluzione duratura al conflitto mediorientale possa essere raggiunta solo con mezzi pacifici. Questa deve basarsi su una soluzione a due Stati negoziata da entrambe le parti, in conformità con il diritto internazionale e le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Di cosa si occupa la Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell'ONU?

17.10.2023 – 22.00

Centinaia di persone hanno probabilmente perso la vita in un’esplosione che ha colpito un ospedale di Gaza. In una dichiarazione, il DFAE chiede un'indagine approfondita sull'incidente e ricorda che gli ospedali e i civili devono sempre essere protetti, in conformità con il diritto internazionale umanitario.

17.10.2023 – 18.00

Cinque esperti svizzeri della polizia scientifica e di medicina legale sono giunti in Israele martedì 17 ottobre 2023. Assisteranno le autorità competenti nell'identificazione delle vittime dell'attacco terroristico di Hamas. La durata del mandato degli esperti dipenderà dalle esigenze delle autorità israeliane.

Nell'ambito dell'aiuto umanitario, Israele ha chiesto il sostegno della Svizzera per l'identificazione delle vittime dell'attentato del 7 ottobre. La Svizzera ha approvato questa richiesta e il DFAE ha affidato a fedpol con il Disaster Victim Identification DVI CH - il team nazionale per l'identificazione delle vittime di catastrofi - l'attuazione di questa richiesta. Il compito principale degli specialisti svizzeri sarà quello di identificare le persone decedute secondo gli standard internazionali, utilizzando caratteristiche uniche come il DNA e le impronte digitali.

Come per ogni impegno all'estero, la sicurezza degli specialisti è responsabilità delle autorità ospitanti, in consultazione con fedpol e il Centro di gestione delle crisi del DFAE (KMZ). Per garantire la sicurezza degli specialisti svizzeri e il regolare svolgimento dell'intervento, per il momento non saranno diffusi ulteriori dettagli in merito.

17.10.2023 – 17.00

Circa 250 persone sono registrate come turisti in Israele su Travel Admin. Le chiamate alla Helpline del DFAE relative a richieste di assistenza per lasciare il Paese sono diminuite in modo significativo.

16.10.2023 – 18.00

I membri della famiglia di un palestinese impiegato come membro del personale locale del DFAE nella Striscia di Gaza sono stati uccisi in attacchi aerei. Non è possibile fornire ulteriori dettagli per motivi di protezione dei dati e della privacy.

Il DFAE è a conoscenza di nove palestinesi che hanno anche la nazionalità svizzera e si trovano attualmente nella Striscia di Gaza. Il DFAE è in contatto con le persone interessate o i loro parenti e le sostiene per quanto possibile nella loro eventuale partenza.

Il DFAE è anche a conoscenza di tre palestinesi, anch'essi in possesso della cittadinanza svizzera, che sono riusciti a lasciare la Cisgiordania da soli.

15.10.2023 – 13.00

Le chiamate alla Helpline DFAE sono in netto calo. Il numero delle persone registrate su Travel Admin è sceso a circa 280. Il DFAE rimane in contatto con i cittadini svizzeri in loco e garantisce assistenza laddove possibile.

In base alle informazioni di cui dispone il DFAE, i voli commerciali da Israele continueranno a essere operativi. SWISS non prevede per il momento altri voli speciali. Il DFAE non prevede partenze organizzate dalla Confederazione per i cittadini svizzeri in partenza da Israele e raccomanda quindi di esaminare altre possibilità di partenza.

Il DFAE ricorda ai cittadini svizzeri di seguire le istruzioni delle autorità locali in Israele. In conformità con la Legge sugli Svizzeri all'estero, il DFAE e le sue rappresentanze informeranno le persone e le loro famiglie in caso di situazioni di crisi e forniranno loro assistenza, ove possibile. Le raccomandazioni di sicurezza del DFAE devono essere seguite.

I consigli di viaggio del DFAE per i Paesi della regione, pubblicati su Internet, sono aggiornati e riflettono la valutazione attuale della situazione. Vengono controllati regolarmente.

14.10.2023 – 12.00

In collaborazione con SWISS, fino a venerdì 13 ottobre sono stati effettuati quattro voli speciali Zurigo - Tel Aviv - Zurigo. Secondo SWISS, questi quattro voli speciali hanno permesso a circa 880 persone di tornare in Svizzera. Il personale dell'ambasciata di Tel Aviv ha fornito assistenza in aeroporto ai cittadini svizzeri in partenza. Il DFAE è anche a conoscenza di viaggiatori che hanno potuto lasciare il Paese in modo indipendente con altri voli. Tuttavia, non sono disponibili informazioni più precise sul numero esatto.

I due voli speciali SWISS previsti per sabato 14 ottobre sono stati cancellati a breve termine da SWISS per motivi di sicurezza. Di conseguenza, la hotline di prenotazione è stata sospesa prematuramente venerdì. Il DFAE sta esaminando altre opzioni per aiutare i cittadini svizzeri in Israele a lasciare il Paese. 

Le chiamate alla Helpline del DFAE sono diminuite drasticamente da mercoledì. Lo stesso vale per il numero di persone registrate su Travel Admin, sceso a circa 300. Il DFAE è in contatto con i cittadini svizzeri sul posto e sta fornendo loro assistenza laddove possibile.

Il DFAE conferma che un cittadino israeliano, con doppia nazionalità svizzera, è stato ucciso negli attacchi terroristici di sabato 7 ottobre.

Al momento il DFAE non dispone di informazioni su altre vittime o feriti svizzeri negli attacchi terroristici.

13.10.2023 – 18.00

In collaborazione con SWISS, sono stati effettuati finora tre voli speciali. Il personale dell'ambasciata di Tel Aviv è stato a disposizione all'aeroporto per assistere i cittadini svizzeri che lasciavano il Paese. Secondo SWISS, questi tre voli speciali hanno permesso a circa 660 persone di rientrare in Svizzera.

Su richiesta del DFAE, SWISS ha operato un quarto volo speciale da Zurigo a Tel Aviv venerdì 13 ottobre.

Tuttavia, due voli speciali SWISS previsti per sabato 14 ottobre sono stati cancellati all'ultimo momento dalla compagnia aerea per motivi di sicurezza. Di conseguenza, la hotline di prenotazione è stata chiusa prematuramente. I clienti che hanno già effettuato una prenotazione saranno contattati direttamente da SWISS. La decisione di cancellare i voli precedentemente confermati da SWISS è dovuta a una rivalutazione della situazione da parte della compagnia aerea.

Il DFAE raccomanda ai cittadini svizzeri di verificare anche altre opzioni di voli commerciali o altre possibilità di partenza. Da parte sua, il DFAE sta esaminando altre possibilità per fornire un sostegno sussidiario ai cittadini svizzeri in Israele che vogliono lasciare il Paese.

Il DFAE è a conoscenza di viaggiatori che hanno potuto lasciare il Paese autonomamente con altri voli. Tuttavia non sono disponibili informazioni precise sul numero esatto.

Circa 420 persone con un collegamento con la Svizzera sono ancora registrate su Travel Admin. Il DFAE è in contatto con questi cittadini sul posto e fornisce loro assistenza per quanto possibile.

13.10.2023 – 15.00

A titolo di aiuto umanitario, Israele ha chiesto il sostegno della Svizzera per l'identificazione delle vittime dell'attacco di Hamas.

La Svizzera ha approvato questa richiesta e il DFAE ha affidato a fedpol, insieme al DVI CH - Disaster Victim Identification, il team nazionale per l'identificazione delle vittime di catastrofi - l'attuazione di questa richiesta.

fedpol sostiene e coordina le operazioni della DVI CH all'estero. Per questo motivo, fedpol ha chiesto il supporto di DVI CH. Quest'ultima è attualmente in contatto con le forze di polizia cantonali per preparare e garantire l'impegno richiesto.

Nei prossimi giorni potrebbero essere inviati in Israele tra 10 e 20 specialisti.

Il compito principale degli specialisti svizzeri sarà quello di identificare i defunti secondo gli standard internazionali, utilizzando caratteristiche uniche come il DNA e le impronte digitali.

13.10.2023 – 14.00

Il Consigliere federale e capo del DFAE ha tenuto una conferenza stampa sugli sviluppi in Medio Oriente a margine del vertice GESDA (Geneva Science and Diplomacy Antipation) a Ginevra.


13.10.2023 – 14.00

Il DFAE conferma che un cittadino israeliano, con doppia cittadinanza svizzera, è stato ucciso negli attacchi terroristici di sabato 7 ottobre. L'uomo risiedeva in Israele dal 2004. Il Consigliere federale Ignazio Cassis esprime le sue più sentite condoglianze ai familiari. Per motivi di protezione dei dati e della privacy, non è possibile fornire ulteriori informazioni.

12.10.2023 – 15.00

In collaborazione con SWISS, sono stati effettuati finora due voli speciali. All’aeroporto, il personale dell'Ambasciata di Tel Aviv ha fornito ai cittadini svizzeri che lasciavano il Paese. Secondo SWISS, circa 430 persone sono potute rientrare in Svizzera con questi due voli speciali.

Su richiesta del DFAE, SWISS sta operando altri voli speciali Zurigo - Tel Aviv - Zurigo oggi, giovedì 12, e domani, venerdì 13 ottobre.

Circa 550 persone con un collegamento con la Svizzera sono ancora registrate su Travel Admin. Il DFAE è in contatto con questi cittadini sul posto e fornisce loro assistenza per quanto possibile.

Il DFAE è a conoscenza di viaggiatori che hanno potuto lasciare il Paese autonomamente con altri voli. Non sono disponibili informazioni affidabili sul numero esatto.

Il DFAE raccomanda ai cittadini svizzeri di verificare anche altre opzioni di voli commerciali o altre possibilità di partenza. Da parte sua, il DFAE sta esaminando altre possibilità per fornire un sostegno sussidiario ai cittadini svizzeri in Israele che vogliono lasciare il Paese. Il DFAE fornirà informazioni non appena saranno disponibili altre opzioni di partenza. Non sono previste partenze di cittadini svizzeri da Israele organizzate dalla Confederazione.

Il DFAE sta attualmente esaminando le indicazioni relative a possibili cittadini israeliani scomparsi o deceduti, anch'essi di nazionalità svizzera, ed è in contatto con le autorità locali.

Il DFAE ricorda che i cittadini svizzeri in loco devono seguire le istruzioni delle autorità locali. Conformemente alla Legge sugli Svizzeri all'estero, il DFAE e le rappresentanze informano le persone fisiche e i loro parenti in caso di situazioni di crisi e forniscono loro assistenza nella misura del possibile. Le raccomandazioni del DFAE in materia di sicurezza devono essere rispettate. La decisione di lasciare un'area di crisi è presa volontariamente, a proprio rischio e a spese del singolo. La Confederazione può partecipare alle misure di ricerca e salvataggio dello Stato ricevente o di altri Stati.

I consigli di viaggio del DFAE per Israele, i Territori palestinesi occupati e il Libano pubblicati su Internet riflettono la valutazione attuale della situazione e vengono costantemente aggiornati.

11.10.2023 – 16.00

Nella sua seduta dell’11 ottobre 2023 il Consiglio federale ha discusso dei recenti, scioccanti attacchi contro civili in Israele sferrati da Hamas a partire dalla Striscia di Gaza. Il Governo condanna con la massima fermezza gli atti terroristici e chiede l’immediato rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas. Dinanzi a questa situazione, la Svizzera deve essere in grado di agire in modo efficace e concertato. L’Esecutivo ha pertanto deciso di ampliare la task force istituita dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e di trasformarla in una task force del Consiglio federale. Quest’ultimo ritiene che Hamas debba essere classificato come organizzazione terroristica.

Comunicato stampa: Il Consiglio federale condanna gli attacchi terroristici di Hamas in Israele e rafforza la sua capacità di azione

11.10.2023 – 13.00

Su richiesta del DFAE, SWISS opererà un secondo volo speciale Zurigo – Tel Aviv – Zurigo oggi, mercoledì 11 ottobre, e un terzo giovedì 12 ottobre per circa 215 passeggeri ciascuno. Il 10 ottobre SWISS aveva già rimpatriato in Svizzera un totale di 218 persone.

Il DFAE raccomanda ai cittadini svizzeri di verificare anche altre opzioni di voli commerciali e altre possibilità di partenza. Da parte sua, il DFAE sta esaminando altre soluzioni per fornire assistenza sussidiaria ai cittadini svizzeri in Israele che desiderano lasciare il Paese. Il DFAE è anche in contatto con i Paesi partner per quanto riguarda le opzioni di partenza. Il DFAE comunicherà nuovamente la situazione non appena saranno disponibili altre opzioni. Non è prevista alcuna partenza organizzata di cittadini svizzeri da Israele.

Il DFAE sta esaminando le informazioni relative a eventuali cittadini israeliani scomparsi o deceduti che hanno anche la nazionalità svizzera ed è in contatto con le autorità locali.

I consigli di viaggio del DFAE per Israele pubblicati su Internet riflettono la valutazione attuale della situazione. Vengono verificati costantemente.

10.10.2023

Su richiesta del DFAE, martedì 10 ottobre SWISS ha attivato un volo speciale per i cittadini svizzeri, che consentirà a circa 220 cittadini svizzeri di viaggiare da Tel Aviv a Zurigo. La prenotazione e il pagamento di questo volo speciale sono stati gestiti da un call center SWISS.

Su richiesta del DFAE, mercoledì 11 ottobre SWISS opererà un altro volo speciale Zurigo - Tel Aviv - Zurigo per circa 220 persone. Si stanno esaminando altre opzioni in collaborazione con Paesi terzi per aiutare i cittadini svizzeri che desiderano lasciare il Paese.

L'aeroporto di Tel Aviv è attualmente operativo, ma può essere temporaneamente chiuso in qualsiasi momento per motivi di sicurezza. Il DFAE non prevede alcuna partenza organizzata di cittadini svizzeri da Israele.

Il DFAE raccomanda ai cittadini svizzeri di esaminare e prenotare altre opzioni di volo commerciale. Il DFAE sta esaminando altre possibilità per fornire assistenza sussidiaria ai cittadini svizzeri in Israele per lasciare il Paese. Non appena saranno disponibili altre opzioni di partenza, verranno comunicate.

Al momento il DFAE non dispone di informazioni su eventuali vittime svizzere. I consigli di viaggio del DFAE per Israele pubblicati su Internet riflettono la valutazione attuale della situazione e vengono costantemente aggiornati. Il DFAE è a conoscenza di un video in cui si parla di vittime svizzere di rapimenti. Il DFAE sta chiarendo i fatti con le autorità competenti. Al momento il DFAE non dispone di informazioni ufficiali su eventuali ostaggi svizzeri.

Attualmente, circa 28 000 cittadini svizzeri e le loro famiglie sono ufficialmente registrati in Israele e nei Territori palestinesi occupati, dove vivono e risiedono. Circa 600 persone con legami con la Svizzera sono registrate sull’app Travel Admin. Il DFAE è in contatto con i cittadini sul posto e fornisce loro assistenza nella misura del possibile.

Ad oggi, la Helpline del DFAE ha ricevuto circa 750 chiamate relative alla situazione in Israele. Le chiamate provengono da persone che si trovano attualmente in Israele, da parenti preoccupati o da persone che stanno pianificando un viaggio in Israele nel prossimo futuro.

Il DFAE ricorda ai cittadini svizzeri in Israele di seguire le istruzioni delle autorità locali. In conformità con la Legge sugli Svizzeri all'estero, il DFAE e le sue rappresentanze informeranno le persone e i loro parenti in caso di situazioni di crisi e forniranno loro assistenza, nei limiti del possibile. Le raccomandazioni di sicurezza del DFAE devono essere rispettate. La decisione di lasciare una regione in crisi è presa volontariamente, a rischio e a spese della persona che lascia la regione.  La Confederazione può partecipare alle misure di ricerca e salvataggio dello Stato ospitante o di altri Stati.

09.10.2023

Il DFAE non dispone di informazioni su eventuali vittime svizzere o su eventuali cittadini svizzeri rapiti. I consigli di viaggio del DFAE per Israele pubblicati su Internet riflettono la valutazione attuale della situazione e vengono costantemente aggiornati.

Attualmente, circa 28 000 cittadini svizzeri e le loro famiglie sono ufficialmente registrati in Israele e nei Territori palestinesi occupati, dove vivono e risiedono. Circa 430 persone legate alla Svizzera sono registrate nell'applicazione Travel Admin. Il DFAE è in contatto con questi cittadini sul posto e li sostiene nei limiti del possibile.

Ad oggi, la Helpline del DFAE ha ricevuto circa 500 chiamate relative alla situazione in Israele. Le chiamate provengono da persone che si trovano attualmente in Israele, da parenti preoccupati o da persone che stanno pianificando un viaggio in Israele nel prossimo futuro.

L'aeroporto di Tel Aviv è operativo ma potrebbe essere temporaneamente chiuso per motivi di sicurezza. Il DFAE non organizza direttamente le partenze da Israele. Su richiesta del DFAE, SWISS ha programmato un volo speciale da Tel Aviv a Zurigo per martedì 10 ottobre, destinato principalmente alle prenotazioni dei cittadini svizzeri in Israele. A causa di problemi tecnici nella procedura di prenotazione SWISS per questo volo, non è stato possibile effettuare le prenotazioni online come inizialmente annunciato dal DFAE; i problemi sono stati risolti nel frattempo e le prenotazioni possono ora essere effettuate tramite un call center SWISS.

Coloro che desiderano lasciare il Paese devono trovare collegamenti aerei o altre opzioni di partenza. Maggiori informazioni seguiranno quando il DFAE verrà a conoscenza di partenze organizzate da Paesi partner di cui potranno beneficiare i cittadini svizzeri.

Comunicato stampa: Situazione in Israele / Territorio palestinese occupato: il DFAE istituisce una task force, 09.10.2023

08.10.2023 – 23.00

Il Consiglio di sicurezza si è riunito oggi in consultazioni a porte chiuse sulla situazione in Medio Oriente. La Svizzera ha condannato gli attacchi particolarmente scioccanti, compresi gli atti di terrore e il lancio indiscriminato di razzi da parte di Hamas contro Israele. Ha chiesto il rilascio immediato delle persone prese in ostaggio e attualmente detenute a Gaza. Ha inoltre deplorato tutte le vittime civili e ha invitato tutte le parti a proteggere la popolazione civile e a rispettare gli obblighi previsti dal diritto internazionale umanitario. Per la Svizzera, la priorità deve essere la de-escalation. Ha invitato i responsabili a fare tutto il possibile per stabilire un cessate il fuoco ed evitare un'escalation regionale. Ha rivolto questo appello a tutti gli Stati che possono esercitare un'influenza sulle parti.

08.10.2023 – 15.00

La Suisse condamne les tirs de roquettes effectués par le Hamas et les attaques menées contre Israël, y compris de nombreux civils, depuis la bande de Gaza. La Suisse appelle à la libération immédiate des personnes qui ont été prises en otages et sont actuellement détenues à Gaza.

La population civile doit être protégée et le droit international respecté en tout temps. Nous demandons un arrêt immédiat de la violence afin d'éviter une escalade continue, y compris régionale.

Le DFAE suit de près la situation en Israël et en TPO. L'ambassade de Suisse à Tel Aviv ainsi que le bureau de représentation à Ramallah sont opérationnels et répondent aux demandes des ressortissants et ressortissantes suisses y compris durant cette fin de semaine. Elles sont également en contact avec les autorités compétentes sur place.

Le DFAE ne dispose actuellement d'aucune information concernant des victimes suisses. Les conseils aux voyageurs du DFAE pour Israël publiés sur Internet correspondent à l'évaluation actuelle de la situation. Ils sont vérifiés en permanence.

Actuellement, environ 28’000 ressortissants suisses et leurs familles sont officiellement enregistrés en Israël et dans le Territoire palestinien occupé, où ils vivent et résident. Environ 310 personnes ayant un lien avec la Suisse sont enregistrées dans l'application Travel Admin. Le DFAE est en contact avec ces ressortissants et ressortissantes sur place et les soutient dans la mesure du possible.

La Helpline du DFAE a reçu jusqu'à présent quelque 230 appels concernant la situation en Israël. Ces demandes proviennent de personnes se trouvant actuellement sur place, de proches inquiets ou de personnes ayant planifié un voyage en Israël prochainement.

Le DFAE rappelle que les ressortissants suisses sur place doivent suivre les instructions des autorités locales. Conformément à la loi sur les Suisses de l'étranger, le DFAE et les représentations informent les personnes physiques et leurs proches en cas de situation de crise et leur apportent une assistance dans la mesure du possible. Les recommandations de sécurité du DFAE doivent être respectées. La décision de quitter une région en crise est prise volontairement, aux risques et aux frais de la personne qui quitte la région. La Confédération peut participer aux mesures de recherche et de sauvetage de l'Etat d'accueil ou d'autres Etats.

L’aéroport de Tel Aviv est actuellement ouvert, toutefois l’offre de vols commerciaux est réduite. Le DFAE ne procède pas lui-même à des départs organisés d’Israël. Lorsque le DFAE a connaissance de départs organisés par des pays partenaires, dont les ressortissants suisses peuvent bénéficier, une communication est partagée avec l’ensemble des personnes inscrites auprès de l’ambassade suisse à Tel Aviv et sur Travel admin.

07.10.2023

La Svizzera condanna l'odierno lancio indiscriminato di razzi da parte di Hamas e gli attacchi da Gaza verso Israele. I civili devono essere protetti e il diritto internazionale deve essere sempre rispettato. Chiediamo la cessazione immediata della violenza per evitare un'ulteriore escalation.

Il DFAE segue da vicino la situazione degli scontri in Israele. L'Ambasciata svizzera a Tel Aviv è operativa e in contatto con le autorità competenti e sono in corso ulteriori chiarimenti. Al momento il DFAE non dispone di informazioni su eventuali vittime svizzere. I consigli di viaggio del DFAE per Israele pubblicati su Internet corrispondono all’attuale valutazione della situazione. I consigli di viaggio sono costantemente riesaminati e sono stati aggiornati oggi.

Attualmente, circa 28.000 cittadini svizzeri sono ufficialmente registrati in Israele e nei Territori palestinesi occupati, dove vivono e risiedono. Circa 140 persone che hanno legami con la Svizzera sono registrate nell’App Travel Admin.

Il DFAE ricorda che i cittadini svizzeri devono seguire le istruzioni delle autorità locali. In situazioni di crisi, i cittadini svizzeri all'estero sono tenuti a informarsi sulla situazione attuale, in particolare attraverso i media e le comunicazioni delle autorità locali. La decisione di effettuare o interrompere un viaggio è a discrezione e responsabilità dei viaggiatori stessi. I viaggi di ritorno devono essere organizzati individualmente o tramite un'agenzia di viaggi.

Inizio pagina