Inizio pagina

Comunicato stampa, 29.06.2022

Povertà, disuguaglianze, conflitti armati e pandemie sono sfide che, come molte altre, possono essere superate solo unendo le forze. Le Nazioni Unite svolgono un ruolo centrale per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030, a cui anche la Svizzera partecipa attivamente. Nella sua seduta del 29 giugno 2022 il Consiglio federale ha quindi deciso di destinare fondi per un importo complessivo di 316 milioni di franchi a quattro agenzie di aiuto allo sviluppo dell’ONU per il periodo 2022-2024.

Le agenzie delle Nazioni Unite come il Programma di sviluppo (PNUS), il Fondo per l’infanzia (UNICEF), il Fondo per la popolazione (UNFPA) e l’Entità per l’uguaglianza di genere e l’empowerment femminile (UN Women) hanno le competenze e la legittimità politica necessarie per affrontare sfide globali come la povertà, le disuguaglianze e i conflitti, ma anche pandemie come quella di COVID-19. Attraverso la cooperazione multilaterale, la Svizzera può far valere i propri valori e interessi nella comunità internazionale e far progredire la riforma del sistema di sviluppo delle Nazioni Unite. Sostenendo queste agenzie, il nostro Paese dà un contributo efficace alla lotta contro le sfide del XXI secolo.

Salute e Stato di diritto al centro delle preoccupazioni della Svizzera
Ancora oggi, circa 800 donne muoiono ogni giorno per complicazioni durante la gravidanza e il parto. L’obiettivo dell’UNFPA è garantire a tutte le persone l’accesso alla salute sessuale e riproduttiva, riducendo così la mortalità materna e migliorando le condizioni di vita di donne e ragazze. Tra il 2018 e il 2020 l’UNPFA ha permesso a 87 milioni di donne e adolescenti di fruire dei servizi sanitari.

Il PNUS svolge un ruolo chiave nell’attuazione dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile: presente in 170 Paesi, è il principale partner ONU della DSC. Impegnandosi a rafforzare lo Stato di diritto in contesti particolarmente difficili, il PNUS cerca di aiutare i Paesi a riprendersi dalle conseguenze di conflitti e violenze, che nel lungo periodo ostacolano lo sviluppo economico degli Stati in questione. Il PNUS lavora per migliorare lo Stato di diritto nei sistemi giudiziari, penitenziari e di polizia delle regioni insicure. Allo stesso tempo, sostiene le autorità in contesti fragili affinché possano garantire in maniera più efficace i servizi di base alla popolazione.

Promozione dell'uguaglianza di genere e dei diritti di donne e bambine
La Svizzera si impegna a livello mondiale per promuovere l’uguaglianza e i diritti di donne e bambine. UN Women è un importante partner multilaterale in questo senso. Questa organizzazione è stata infatti determinante nel migliorare il quadro giuridico per l’uguaglianza di genere e nel rafforzare i diritti delle donne in tutto il mondo. Grazie al partenariato tra la Svizzera e UN Women l’accesso delle donne al mercato del lavoro sta migliorando e si stanno creando le basi giuridiche necessarie affinché le donne possano partecipare all’attività economia in condizioni di parità.

Per effetto della pandemia, il numero di bambine e bambini che non frequentano la scuola è quasi raddoppiato e anche la povertà infantile si è notevolmente acuita. L’UNICEF si batte globalmente per i diritti di tutti i bambini e le bambine, con particolare attenzione a quelli più poveri e vulnerabili. Durante la pandemia di COVID-19 l’UNICEF li ha aiutati a recuperare il più rapidamente possibile le lezioni scolastiche perse a causa della chiusura delle scuole. Questa organizzazione umanitaria sostiene anche i bambini e le bambine che soffrono di denutrizione grave e acuta per carenza di cibo.

La Svizzera fa sentire la sua voce
Il sistema di sviluppo multilaterale di cui fanno parte le quattro organizzazioni partner sta attuando un importante processo di riforma che la Svizzera promuove e sostiene attivamente influenzando le decisioni nei consigli direttivi delle agenzie dell’ONU ma anche sul campo, nei Paesi partner.

La riforma è un progetto ambizioso per potenziare il coordinamento e la cooperazione all’interno dell’ONU e con i partner esterni e per avere un maggiore impatto. I guadagni in termini di efficienza che ne derivano consentono di sostenere un maggior numero di persone con i contributi della Svizzera e di raggiungere gli obiettivi globali di sostenibilità


Indirizzo per domande:

Informazioni:
Comunicazione DFAE
Tel. +41 58 462 31 53
Tel. Servizio stampa +41 58 460 55 55
kommunikation@eda.admin.ch


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale degli affari esteri

Ultima modifica 28.01.2022

Contatto

Comunicazione DFAE

Palazzo federale ovest
3003 Berna

Telefono (solo per i giornalisti):
+41 58 460 55 55

Telefono (per tutte le altre richieste):
+41 58 462 31 53